Normale Amministrazione..

E’ di questi giorni la notizia di infiltrazioni della malavita negli appalti per la ricostruzione delle case in Abruzzo dopo il terremoto, e degli arresti di Claudio D’Alesio, 50 anni, originario di Teramo ma residente a Pescara, imprenditore, già amministratore delegato della Fira Servizi, e dell’ex assessore regionale e comunale a Pescara Italo Mileti (59), di Forza Italia per millantato credito nei confronti dell’assessore regionale alla sanità Lanfranco Venturoni. Esponenti di destra e sinistra sono stati scoperti con le mani nella marmellata dUn'abitazione devastata dal terremotoalle ancora valide intercettazioni telefoniche e si è scoperto, tra le altre cose, che la maggior parte delle aziende appaltatrici dei lavori provengono dalla Sicilia e molte prive del previsto certificato antimafia; a quanto pare, secondo gli inquirenti, si tratta solo della punta di un iceberg ben più grande fatto di collusioni tra malavita e autorità politiche..tanto per cambiare.

Nei giorni successivi il terremoto, ho visto un servizio sulla visita di Roberto Saviano sui luoghi devastati dal sisma e a dir la verità per un attimo ho pensato: “però, sto Saviano sta sempre in mezzo, ora cosa c’ enta col terremoto in Abruzzo?” ; poi sono andato a rivedermi le pagine di Gomorra dove lo scrittore, già prima del disastro, parlava di appalti affidati a società in odor di camorra che costruivano le case degli Aquilani con sabbia al posto di cemento……

Ora, fin qui la cronaca; l’altra notizia, è che nessuno, a parte Sky credo, abbia detto una parola una sull’argomento, Abruzzo dimenticato, i Tg sono già impegnati su argomenti scottanti come i regali natalizi e le mete preferite degli italiani senza una lira..mentre fino a poco tempo fa, appena il nostro Premier faceva una puzzetta con il vento che soffia in direzione dell’Aquila, erano subito pronti speciali e plastici della miracolosa ricostruzione in tutti i salotti televisivi.

La verità sconsolante, è che fin quando si è trattato di pubblicizzare le consegne di case – costruite per lo più con i soldi di Regioni autonome come la Valle D’Aosta o provenienti da raccolte di beneficenza o, come il caso di una grossa industria farmaceutica, la Sanofi Aventis, che aveva in zona una fabbrica, che si è fatta carico dei costi della ricostruzione degli alloggi dei dipendenti – tutti i pappagalli erano pronti; ora, quando effettivamente “il merito” di ciò che sta accadendo, è quanto mai riconducibile ad organi Statali, nessuno fiata….

Sarà forse perché, in realtà, in questo caso, non si tratta di notizie riconducibili al “miracolo italiano” bensì, più semplicemente, di normale…. Amministrazione….

VINCENZO PACILE’



'Normale Amministrazione..' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares