PdL OFFLINE

Le prime elezioni da quando Berlusconi non è più Presidente del Consiglio hanno dato ottimi segnali. Il PdL sta morendo. Gli italiani, dopo anni di barbarie democratiche, stanno capendo cosa c’è dietro (se non avanti) quel partito incarnante la peggior faccia dello stato italiano.

Il partito che 4 anni fa raggiungeva il 37% dei voti alle elezioni nazionali adesso non raggiunge in nessun capoluogo di provincia il 30%. E cade in ben 10 capoluoghi sotto il 10%…

Insomma…si sente aria di Terza Repubblica?

Dati PdL alle elezioni comunali nei capoluoghi di Provincia (6-7 maggio 2012):

Alessandria: 14%

Agrigento: 17%

Asti: 17%

Belluno: 10%

Brindisi: 9%

Catanzaro: 13%

Como: 14%

Cuneo: 8%

Frosinone: 19%

Genova: 9%

Gorizia: assente

Isernia: 17%

La Spezia: 12%

L’Aquila: 8%

Lecce: 28%

Lucca: 9%

Monza: 19%

Palermo: 9%

Parma: 5%

Piacenza: 22%

Pistoia: 17%

Rieti: 15%

Taranto: 7%

Trani: 29%

Trapani: 16%

Verona: 6%

FRANCESCO ANGELI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'PdL OFFLINE' have 1 comment

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares