Per la serie “auto assurde”: Dartz Jo-Mojo

Dartz è un marchio specializzato in veicoli bellici che, dal 2009, presenta periodicamente auto di lusso dalle linee taglienti, dotate di cavalleria mostruose, e .. blindate.

La casa lettone ha reso noto in questi giorni che il prossimo aprile, in occasione del salone Top Marques di Montecarlo, presenterà una nuova concept, denominata Jo-Mojo.

Una roadster elettrica dotata di un propulsore da 80 CV, e disegnata da Eduard Gray, capace di raggiungere i 100 km/h in 9,5 secondi, con un picco di 200 km/h (dati dichiarati dalla casa). Dartz non rende però noti né l’autonomia nè i tempi di ricarica, che dovrebbero essere garantiti dalle celle solari, inglobate nel tettuccio retrattile, che va così a sostituire la classica capotte. Ancora da verificare però se l’auto potrebbe sfruttare il sistema di ricarica anche in movimento: i pareri sono discordanti, ma se così fosse sarebbe un punto a suo favore.

La base da cui si è partiti è un carro leggero, T-98, da cui prende la monoscocca inferiore, a prova di armi leggere e medie. Gente Motori fa notare che non vi sia logica nell’aver optato per la blindatura “sotto”, e per una fragile capotte “sopra”. Le assurdità del marchio lettone non si fermano qui. Se il prezzo (stimato) fosse effettivamente di 40.000 dollari, a che pro optare per sedili fatti su misura per ogni cliente, e vernice cangiante? Non alzano ulteriormente un prezzo che potrebbe rendere la Jo-Mojo una delle prime auto interamente elettriche veramente appetibili e concorrenziali?

L’obiettivo di questa giovane gruppo è quello di arrivare a commercializzare la vettura entro l’estate del 2012. Da notare, infine, che nessun giornalista è riuscito a reperire informazioni on-line sul fantomatico atelier (svedese?) che avrebbe curato il design dell’auto: Gray Design Studio. O meglio, c’era, ma realizza mobili.

PIETRO CANCIAN

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Per la serie “auto assurde”: Dartz Jo-Mojo' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Shares