Perché Gasparri e Calderoli sì e Santanché no?

gasparri_finocchiaro.jpg_415368877Bloccare la nomina di Daniela Santanché, donna forte del PdL, alla vicepresidenza della Camera dei Deputati?

Dicono sia troppo cattiva, troppo perfida. Ricorderebbe Crudelia De Mon. Eppure lo stesso dubbio, soprattutto tra gli oppositori del Partito Democratico, nessuno se lo è posto quando si trattava di eleggere Maurizio Gasparri e Roberto Calderoli vicepresidenti del Senato.

Gasparri diceva che il fascismo non è una parentesi oscura della storia. Dichiarava poi che il fratello di Salvatore Borsellino non ne avesse stima. Calderoli invece denunciava il “ricettacolo di culattoni” creato dalla “civiltà gay” in Padania, ritornando a usare in altre occasioni più volte epiteti omofobi. Indicava i cristiani di sinistra come schierati con il demonio. Era quello dei bingo-bongo parlando del voto agli immigrati, per intenderci.

Perché qualche decina di giorni fa tutto veniva dimenticato votandoli? E ora invece per Santanché si dovrebbe fare un’eccezione? Se si è scelto di fare un governo di coalizione è necessario mettersi in testa che le persone bisogna farsele piacere. E guarda caso la prima a saltare in ambito parlamentare dovrebbe essere proprio una donna…

FRANCESCO ANGELI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Perché Gasparri e Calderoli sì e Santanché no?' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares