Ratafiamm, Tourist You Are The Terrorist: tra illusione e ricerca sonora

RatafiammParliamo dei Ratafiamm,  duo composto da Enrico Cibelli e Andrea De Nittis, e del loro nuovo lavoro in studio Tourist You Are The Terrorist.

Ratafiamm, un sound onirico e ricercato

Non è facilissimo inquadrare i Ratafiamm in un genere. Indie rock miscelato al pop d’autore e all’elettronica dal sapore più lirico; un sound elegante e ricercato, condito con una vena testuale malinconica costruita a mo’ di lettura recitata. Indubbiamente una band di gran classe.

Se il panorama indie del Bel Paese sta cambiando, i Ratafiamm sono parte integrante di questo cambiamento. Sempre ammesso e non concesso che il termine “indie” significhi realmente qualcosa.

Condensare dentro un unico disco un brano come Le Chiavi, costruito su ritmiche in controtempo e una linea di chitarra rockeggiante, e un brano come Vedere, dalla vena marcatamente elettronica, è segno di due fattori che, a nostro avviso, stanno alla base della produzione musicale dei Ratafiamm. Da un lato la vicinanza a un sound classico, e diretto, dall’altro la voglia di ricreare un’atmosfera più onirica di questa elettronica a volte sintetica e a volte lirica.

Parole, sogno e illusione per un universo sonoro affascinante

Il tutto legato da questa vocalità che va a recitare il testo piuttosto che cantarlo cosa che, per certi versi, fa concentrare di più l’ascoltatore sulle parole anziché su una qualunque linea melodica.

Dilettanti, Piccola Patria e Santa Claus sono un altro esempio calzante di come la scelta di queste sonorità elettroniche, dagli echi e dalle suggestioni prepotenti, possano essere il “palco scenico” perfetto per questa vena testuale ricercata e molto elegante. Una vena che, veramente, merita di essere snocciolata e goduta come se fosse un organismo a parte, in grado però di integrarsi alla musica per dare vita a un qualcosa di affascinante e di qualitativamente impeccabile.

Altro momento molto interessante di questo disco è la cover di Veramente di Mario Venuti . In questo caso la canzone viene radicalmente stravolta, fino a diventare un universo sonoro altro, un qualcosa di incredibile e indescrivibile che merita davvero un ascolto.

I Ratafiamm sembra quasi che abbiamo scelto di decontestualizzare la propria produzione musicale, dividendola in parti uguali tra l’illusione, il sogno e ricerca sonora. Ben vengano band di questo genere che senza strafare e senza risultare pedanti, riescono a creare qualcosa di nuovo e di bello sia a livello sonoro che a livello concettuale.

RatafiammUn disco di sostanza

Tourist You Are The Terrorist è un disco di sostanza, una sostanza frutto della grande lavorazione (sempre sonora e concettuale) che hanno messo in opera i Ratafiamm su musica e parole: in questo disco tutto suona come se fosse altro, non c’è staticità e non ci sono spazi morti, c’è solo una grande competenza e un grande fascino.

Dopo questi circa 30 minuti di musica l’ascoltatore si perde nell’universo sonoro messo in scena da questa band e resta appagato e stupito. Un po’ come quando da bambini si assisteva a un numero di magia e si restava a bocca aperta. Ecco, i Ratafiamm sono come dei moderni illusionisti che, con note e parole, danno vita all’incredibile.

Se siete stufi del solito “indie” sciapo e senza voglia e volete ascoltare qualcosa di veramente nuovo, questo disco è proprio quello che vi ci vuole.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

La musica è la mia passione: sul palco dietro una batteria e sotto al palco in un mare sterminato di dischi. Laureato in Letteratura, Musica e Spettacolo e in Editoria e Scrittura a La Sapienza di Roma, passo il mio tempo tra fogli bianchi, gatti e bacchette spezzate. CAPOSERVIZIO MUSICA


'Ratafiamm, Tourist You Are The Terrorist: tra illusione e ricerca sonora' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares