Re Lear: tragedia da non perdere al Globe Theatre di Roma

Fino al 2 agosto sarà in scena, sul palco del Silvano Toti Globe TheatreRe Lear, una delle tragedie più note di William Shakespeare per la regia di Daniele Salvo e animato da una compagnia di giovani attori.

Fonte: radiocolonna.it

Fonte: radiocolonna.it

Trama.

Protagonista della tragedia è Lear, leggendario re della Britannia che ormai vecchio decide di dividere il regno tra le sue figlie ma vuole mantenere la sua sovranità regale. Un uomo tanto superbo quanto cieco, incapace di riconoscere il falso amore delle figlie maggiori e considerare la devozione della terzogenita come un insulto scambiando l’amore di Cordelia per indifferenza. Questa cecità porterà a Re Lear ed alla sua famiglia dolore e morte.

Tra dolore e grande interpretazioni.

Re Lear è una delle tragedie più belle e potenti del Bardo, una tragedia dove viene mostrato in maniera cruda e molto esplicita, forse più che in altre, come le colpe di padri non solo ricadano sui figli ma come gli dei puniscano tali colpe con dolori sia emotivi che fisici.

Lear verrà punito per la sua cecità, per non aver saputo riconoscere il falso amore di Megan e Goneril, figlie avide il cui loro unico interesse è ottenere il potere e di aver allontanato da se Cordelia, unica figlia devota ed il Conte di Kent, fidato amico e consigliere. Lear è un uomo violento, superbo ed iracondo, dall’umore mutevole e che si fa guidare dall’ira del momento invece che dal cuore e dall’intelletto. Un uomo che verrà punito per questo, perdendo pian piano tutto e divenendo pazzo a poco a poco.

Una tragedia in cui tutte le colpe dei presenti, nessuno escluso, verranno severamente punite, infatti anche personaggi come Gloucester, Edgar e il Duca di Albany non saranno risparmiati. Gloucester per non aver adempiuto ai suoi doveri di genitore rinnegando un figlio, per quando illegittimo, e per non aver saputo riconoscere l’inganno di cui sarà vittima (e che gli farà dare la caccia al sangue del suo sangue), gli altri due per la loro codardia ed inerzia.

Fonte: roma2oggi.it

Fonte: roma2oggi.it

Ciò che rende il Re Lear in scena al Globe di Roma uno spettacolo da non perdere sono sia la regia di Daniele Salvo, che grazie ad una scenografia minimalista riesce a concentrare l’attenzione dello spettatore sull’animo dei personaggi, sia la grande prova attoriale della compagnia, nessuno escluso.

Ivan Alovisio (Edmund), Francesco Biscione (Gloucester), Marco Bonadei (Duca di Cornovaglia), Mimosa Campironi (Cordelia), Elio D’Alessandro (Conte di Kent), Pasquale Di Filippo (Edgar), Marcella Favilla (Goneril), Alessio Genchi (Re di Francia), Selene Gandini (fool), Graziano Piazza (Re Lear), Silvia Pietta (Regan), Tommaso Ramenghi (Duca di Borgogna) e Giuliano Scarpinati (Oswald) forniscono tutti un’interpretazione incredibile, che terrà lo spettatore con gli occhi incollati sul palco, riuscendo a restituire le minime sfumature degli animi dei personaggi che interpretano.

Re Lear è di sicuro uno spettacolo che ogni amante del teatro e di Shakespeare non può perdere.

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!  


About

Appassionato di cinema, fotografia, teatro e musica sin da piccolo decide di farne il suo lavoro. Miyazakiano convinto, tanto da incentrare la sua tesi sul suo cinema, e divoratore di anime tanto da volere Eikichi Onizuka come professore al liceo, è uno Jedi come suo padre prima di lui e “nato pronto” e sì, anche un inguaribile nerd (pollice verso per coloro che non colgono le citazioni). Laureato in cinema presso il DAMS di Roma 3 e diplomato in fotografia presso il CST, inizia a collaborare (e tutt'ora collabora) come critico di cinema e fotografo di concerti con varie webzine di cui da subito ha sposato il progetto con entusiasmo. Giornalista pubblicista iscritto all'albo. Sempre in movimento, perennemente in ritardo. CAPOSERVIZIO CINEMA


'Re Lear: tragedia da non perdere al Globe Theatre di Roma' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares