ready player one

Ready Player One, emozionante caccia al tesoro in pieno stile ’80s

Ready Player One RecensioneReady Player One è la classica schermata iniziale che appariva nei primi videogames anni ’80, e proprio a tale schermata si è ispirato lo scrittore Ernest Cline per il suo romanzo di fantascienza ambientato in un mondo distopico, in cui la realtà virtuale è l’unica via di fuga dalla propria vita e che rappresenta un compendio della cultura nerd degli ultimi trent’anni.

A distanza di ben 8 anni dall’acquisto dei diritti del romanzo da parte della Warner Bros., l’adattamento cinematografico del libro – divenuto un cult in poco tempo – giunge finalmente sul grande schermo. Un lavoro di preproduzione molto lungo che ha visto lo stesso Cline collaborare alla sceneggiatura – scritta insieme a Zack Penn (X-Men 2) – e la regia affidata al regista simbolo di quell’immaginario fantastico anni ’80 che ancora oggi fa sognare, ovvero il premio Oscar Steven Spielberg.

Caccia all’ester egg

Terra 2045. L’inquinamento e la sovrappopolazione hanno reso la vita sul pianeta difficile, e l’uomo vive in condizioni precarie, stipato in container asettici. Una vita fatta di stenti da cui è possibile fuggire solo tramite Oasis, universo virtuale in cui tutto è possibile. Ideato dal geniale James Halliday, il mondo virtuale  consente a chi vi si collega di essere chiunque e andare ovunque, l’unico limite è la propria immaginazione. Oasis è un vero e proprio mondo dove è possibile interagire con gli altri giocatori e partecipare a sfide di ogni sorta.

Tra queste vi è quella che ha lanciato lo stesso fondatore del mondo virtuale alla sua morte. Halliday infatti ha nascosto all’interno della sua creazione tre chiavi che permettono a colui che le trova di divenire il nuovo proprietario del mondo virtuale. Inizia così per Wade Watts, geniale ragazzo di Columbus, una corsa contro il tempo per riuscire a risolvere gli enigmi che si celano dietro le sfide e conquistare l’ambito easter egg che gli consentirà di divenire il nuovo proprietario di Oasis. Riuscirà il ragazzo nell’impresa?

 Emozionante caccia al tesoro

Adattare per il grande schermo un romanzo non è mai facile. A maggior ragione se il libro in questione è un compendio della cultura nerd degli ultimi tre decenni pieno zeppo di citazioni. Il pericolo maggiore è senza dubbio creare un film non all’altezza delle aspettative, asettico dal punto di vista narrativo ed emozionale, suscitando solo qualche sussulto di gioia per i vari rimandi a film, serie tv e videogame che hanno fatto la storia. Un pericolo che però svanisce del tutto se a dirigere l’orchestra vi è un mostro sacro del cinema e dell’immaginario anni ’80 come Steven Spielberg.

ready-player-one-recensione

Il regista quattro volte premio Oscar è riuscito alla perfezione nel difficile compito di dare vita a un film che omaggiasse la cultura nerd, dandogli però al tempo stesso quell’emozione e quel coinvolgimento che manca in molti dei prodotti odierni. Ready Player One è un action movie fantascientifico che riesce sin dall’inizio a coinvolgere lo spettatore, portandolo in una realtà (sia reale che virtuale) distopica ma verosimile, in cui si viene immersi e avvolti.

Una storia che riesce ad entusiasmare sin da subito, non tanto per le innumerevoli citazioni – impossibile coglierle tutte al primo sguardo – quanto per l’avventura che si prospetta davanti ai nostri occhi e che si concretizza man mano. Il film è un’avvincente, emozionante e adrenalinica caccia al tesoro capace di coinvolgere ed appassionare grazie agli innumerevoli enigmi da risolvere.

Tra reale e virtuale

Un film che non lascia respirare, in grado di tenere sempre alta la tensione anche nei momenti di calma. Un’avventura che spazia e si divide tra il reale e il virtuale, le quali divengono le due facce di una stessa medaglia, intrecciandosi e amalgamandosi tra loro. Si riesce così a dare vita a una corsa contro il tempo ambientata in due mondi pieni di pericoli.

Ready Player One è una pellicola in cui i protagonisti si trovano a loro agio nel mondo virtuale di Oasis, ma che sono spaventati da quello reale in cui non riescono a trovare una loro collocazione, anche perché sostanzialmente incapaci di riuscire a comunicare con il prossimo.

Una vicenda in cui non manca la critica tutt’altro che velata alla società odierna. Una realtà in cui l’essere umano è sempre più connesso e quindi sempre più solo. La nuova creatura di Spielberg invita lo spettatore a vivere di più nel mondo reale, perché per quanto possa essere difficile la vita regala sempre emozioni e sorprese belle e inaspettate.

So ’80s

Come già detto Ready Player One è un omaggio spassionato alla cultura pop anni ’80. Non solo per la grande quantità di citazioni, che faranno la felicità dei nerd, ma soprattutto perché il film richiama e ricalca quelle pellicole che hanno fatto la storia del cinema e che dal decennio d’oro di Hollywood riescono ancora oggi a conquistare generazioni di spettatori.

Non è un caso quindi che i protagonisti siano un gruppo di ragazzi pieni di speranze, sogni e avventure. Un gruppo di teenager tanto diversi ma allo stesso tempo molto simili tra loro, che si uniscono per sconfiggere un nemico comune e che diventeranno una vera e propria famiglia. Dei Goonies 3.0, in cui come nel cult di Chris Columbus il vero tesoro non è la nave pirata o l’uovo, ma il legame che riusciranno a instaurare tra di loro.

Come in ogni film degli anni ’80, i giovani protagonisti hanno davanti a loro un cattivo degno di essere tale. Il Nolan Sorrento interpretato da Ben Mendelsohn, il Krennic di Rogue One, è un uomo senza scrupoli, pronto a tutto pur di ottenere ciò che vuole e che non sopporta di essere secondo. Il suo personaggio ricorda i dirigenti d’azienda della OCP di Robocop, uomini che mettono da parte ogni dubbio pur di raggiungere i loro loschi obiettivi.

ready-player-one-gigante-di-ferro

Grazie Zio Steven

Per tutti gli appassionati di cinema da sempre Steven Spielberg è affettuosamente chiamato Zio Steven. Il motivo è molto semplice: il regista incarna il classico parente che racconta storie affascinanti riuscendo a incantare ogni volta i nipoti. Con quel suo sorriso sornione e caloroso, è colui che meglio di ogni altro è riuscito a far sognare milioni di spettatori grazie a storie piene di suspense, azione e sentimenti. È praticamente la versione in carne ed ossa del nonno del piccolo Jimmy in La storia fantastica, il cui mezzo per far viaggiare con la fantasia non è la letteratura ma il cinema.

Ready Player One rappresenta quindi la summa di tutta quella che è la poetica del regista di Cincinnati e di quel cinema anni ’80, in cui a farla da padrone non erano gli effetti speciali ma la storia e i suoi personaggi. Perché il film è proprio questo, un ritorno al passato che vuole portare nel presente quel sense of wonder e quell’avventura fantastica, piena di prove da superare e pervasa da un amore incondizionato per la storia che racconta e per il pubblico a cui si rivolge, che si è ormai perduta.

È un vero e proprio ponte generazionale, tra i nerd oggi cresciuti e quelli più giovani, ma soprattutto verso coloro che non fanno parte di questo mondo. Uno degli scopi del film è sì il voler omaggiare la cultura pop degli ultimi anni, ma anche far (ri)scoprire tali prodotti a chi non li conosceva, i quali non coglieranno tutte le citazioni ma si divertiranno assistendo a un’avventura mozzafiato. Il tutto riuscendo a evitare un’operazione nostalgia a favore di una vera e propria lettera d’amore per un decennio d’oro per il cinema e la cultura nerd. Da non perdere.

Ready Player One sarà al cinema dal 28 marzo distribuito da Warner Bros..

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

 

Fonte Immagini: Ufficio Stampa Warner Bros Italia.


About

Appassionato di cinema, fotografia, teatro e musica sin da piccolo decide di farne il suo lavoro. Miyazakiano convinto, tanto da incentrare la sua tesi sul suo cinema, e divoratore di anime tanto da volere Eikichi Onizuka come professore al liceo, è uno Jedi come suo padre prima di lui e “nato pronto” e sì, anche un inguaribile nerd (pollice verso per coloro che non colgono le citazioni). Laureato in cinema presso il DAMS di Roma 3 e diplomato in fotografia presso il CST, inizia a collaborare (e tutt'ora collabora) come critico di cinema e fotografo di concerti con varie webzine di cui da subito ha sposato il progetto con entusiasmo. Sempre in movimento, perennemente in ritardo. CAPOSERVIZIO CINEMA


'Ready Player One, emozionante caccia al tesoro in pieno stile ’80s' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares