resta con me

Resta con me, quando tra la sopravvivenza e l’amore vince il cuore

resta con meLa vastità dell’oceano e la sua portata di vita stravolgente e pericolosa coincidono nel titolo tra sopravvivenza e amore con Shailene Woodly e Sam Claflin: Resta con me è la vera storia dei 41 giorni passati alla deriva nell’Oceano Pacifico diretta da Baltasar Kormákur . Il regista si lascia ancora una volta affascinare dalla violenza della natura e passa così dalle montagne all’acqua per porre nuovamente l’uomo al centro dell’imprevedibilità degli elementi che compongono la terra. Passando infatti dalle tempeste di neve di Everest del 2015, Kormákur giunge a quelle indomabili del mare aperto, per riportare i fatti di un’avventura che mostra quanto la nostra resistenza e il sostegno di una voce accanto possano mantenerci in vita.

Tami (Shailene Woodly) non ha intenzione di tornare a San Diego. È giovane, ha voglia di visitare il mondo e sarà sempre il vento a decidere la sua prossima destinazione. Questo fino al suo incontro con Richard (Sam Claflin) e la sua dolcezza, che la convincono ad intraprendere un viaggio in barca verso la California. Ma sulla rotta intrapresa dai due giovani li aspetta una tempesta che manderà alla deriva il loro mezzo di trasporto e, forse, il loro futuro. C’è solo una maniera per restare in vita: stare insieme in direzione delle Hawaii.

La voglia di aggrapparsi e vivere

resta con meIl mare è capace di dare tanto quanto è disposto a togliere. Tami Oldham lo ha imparato da giovanissima, quando per quarantuno giorni è stata costretta ad attaccarsi ad ogni singolo brandello di speranza. Alla deriva, stagliata su di un orizzonte che non sembrava mai voler raggiungere la terraferma, la protagonista di Resta con me diventa la prova di quanto valore abbia aggrapparsi a ciò che ci permette di resistere a quelle avversità insormontabili, riuscendo così a non annegare.

Shailene Woodly – anche produttrice del film – si impegna a restituire la forza di volontà di una persona reale che ha saputo affrontare un evento al di fuori da qualunque normalità, dandone il quadro della spinta che le ha permesso di continuare a respirare. Ma, pur mostrando l’impegno, Resta con me non sembra saper trasmetterete quel senso di terrore della disgrazia avvenuta, né tanto meno il tangibile sforzo fisico che ci si sarebbe aspettato di percepire da un racconto che ricerca la salvezza, riservando maggiore efficacia sul versante del romanticismo che su quello del servivor movie.

Quel feeling in mare tra Shailene Woodly e Sam Claflin

resta con meIl film di Baltasar Kormákur non manca infatti di sentimento, cedendo buona parte del film all’incontro, la nascita dell’amore e lo sviluppo della relazione tra Tami e Richard, quest’ultimo interpretato da un Sam Claflin di cui è difficile non innamorarsi. Il feeling tra i due attori permette alla pellicola di compensare la carenza di dolore nei momenti dedicati alla vita isolata sulla barca distrutta, delineando una storia d’amore che, pur eccedendo in frasi ad effetto e abbellimenti vari, sa comunque parlare al cuore.

Oltre alla tenerezza degli innamorati, a contribuire alla realizzazione di Resta con me è l’incredibile lavoro svolto dal truccatore Michael Krehl, che ha reso la pelle dei protagonisti l’approdo della salsedine e del sole cocente bruciandola, corrodendola, trasformandola in un tessuto su cui cogliere le conseguenze dei giorni trascorsi in mare. Le ferite sanguinanti e la sporcizia dei personaggi si fanno così unica mostra davvero avvertibile per costatare lo stato e la sofferenza dei giovani, persi in quell’infinito senza fine. Due corpi lacerati, ma determinati a proseguire verso un porto sicuro, in una storia che colpisce per il suo essere straordinariamente vera.

Resta con me sarà al cinema dal 29 agosto distribuito da 01 Distribution.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

 

 


About

Martina Barone è nata a Roma nel 1996. Appena diplomata al Liceo Classico Pilo Albertelli, è pronta a seguire all’università corsi inerenti al cinema e tutti i suoi più vari aspetti. Ama la settima arte in tutte le sue forme, la sua capacità di trasporti in luoghi lontani e diversi e di farti immergere in storie sempre nuove. Ama poterne parlare e poterne scrivere. COLLABORATRICE SEZIONE CULTURA


'Resta con me, quando tra la sopravvivenza e l’amore vince il cuore' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares