Olimpiadi

Rio 2016, l’Italia alle Olimpiadi

Il 5 agosto inizieranno i Giochi della XXXI Olimpiade che si svolgeranno a Rio de Janeiro fino al 26 agosto, con la città carioca che diventa la prima metropoli sudamericana nella storia ad ospitare le Olimpiadi.

Analizziamo la situazione e le possibilità dell’Italia, che dovrà fare i conti con assenze pesanti, affidandosi a poche certezze, e sperando in qualche sorpresa piacevole.

Schwazer e Tamberi: sfortuna e casi doping

da lastampa.it

da lastampa.it

La malasorte ha colpito Gianmarco Tamberi, saltatore campione del mondo indoor e d’Europa, che, a pochi giorni da Rio, ha subito un grave infortunio, riportando una lesione del legamento deltoideo della caviglia sinistra costringendolo all’operazione e alla ovvia esclusione dai giochi. “Gimbo”,  che presiederà comunque da tifoso e ambasciatore in Brasile, sarebbe stato una garanzia di medaglie per gli azzurri ma l’Italia dovrà fare a meno di un grande atleta.

Non riesco a pensare, dopo tutto quello che ho fatto per dimostrare a tutti che potevo tornare a combattere, di arrivare fisicamente a Rio e non avere la possibilità di scendere in pista. Non posso pensare che tutto il lavoro svolto negli ultimi mesi, tutti i controlli a cui mi sono sottoposto, non siano serviti a nulla“. Questo quanto scritto sul profilo Facebook da Alex Schwazer, al centro ormai da tempo di un vero e proprio caso di doping. L’8 agosto ci sarà la sentenza del Tas e fra 4 giorni l’atleta partirà per il Brasile in attesa del responso. Il caso di doping che lo vede coinvolto da molti mesi, ha ormai assunto i tratti di un vero e proprio giallo.

A maggio Schwazer, dopo quasi 4 anni di squalifica, era tornato in gara, dominando la 50 km di marcia a Roma e strappando il pass per i giochi delle Olimpiadi. Pochi giorni dopo però, è finito di nuovo nell’occhio del ciclone, essendo risultato positivo agli anabolizzanti in un test fatto a gennaio. La vicenda si è fatta sempre più ingarbugliata dopo la squalifica arrivata il 9 luglio, e tra le varie conferenze stampa e tra i vari botta e risposta, l’Italia sportiva si e schierata: chi a favore e chi contro il marciatore che tra qualche giorno potrà conoscere l’insperato verdetto e molto probabilmente sarà per lui negativo.

Le certezze del nuoto: Paltrinieri e compagnia

da repstatic.it

da repstatic.it

L’Italia si sa, non ha mai fatto razzia di medaglie alle Olimpiadi, ma ci sono alcuni sport e discipline, dove per storia e tradizione, si è sempre distinta. Una di queste è ovviamente il nuoto, e uno degli atleti su cui l’Italia può sicuramente contare (forse il migliore) è Gregorio Paltrinieri, vero e proprio asso della squadra di nuotatori azzurri. Trionfatore dei 1500 metri e degli 800 metri negli Europei di Londra, l’atleta di Carpi ha tutte le carte in regola per vincere anche alle Olimpiadi, dove un po’ anche per la giovane età (22 anni) non ha ancora mai vinto. “Greg” è la punta di diamante della spedizione azzurra, oltre che del movimento del nuoto italiano.

A far da spalla a Paltrinieri, c’è ovviamente un’altra specialista, nonché portabandiera degli azzurri, Federica Pellegrini. La “Divina”, ha dimostrato di avere ancora delle carte da giocare, vista la vittoria nei 200 l agli Europei, e proprio nei 200, potrà dire la sua e portare a casa medaglie. Con 3 ori conquistati sempre a Londra, Tania Cagnotto è un’altra atleta su cui l’Italia punta ad occhi chiusi. La tuffatrice di Bolzano ha dichiarato recentemente di sentirsi meglio rispetto alle scorse Olimpiadi, più libera mentalmente e fisicamente al top. Tutti ottimi requisiti di partenza che serviranno alla Cagnotto a trionfare in quella che sarà la sua ultima partecipazione alle Olimpiadi.

Scherma: le “solite” ragazze

La scherma e le donne vanno spesso a braccetto, soprattutto se si tratta di atlete azzurre. Dopo il ritiro per mancata qualifica della Vezzali, l’erede designata è senza dubbio Elisa di Francisca. A 33 anni compiuti, e con già 2 ori olimpici sulle spalle, la Di Francisca ha tutte le carte in regola per non far rimpiangere una leggenda come la Vezzali, e ad aiutarla ci penseranno sicuramente Arianna Arrigo, altra vera e propria artista del fioretto, ma soprattutto Rossella Fiamingo, punta di diamante e di riferimento per il presente e futuro della scherma italiana. La quasi 25enne siciliana, bi-campionessa di spada, potrà sfruttare al meglio quest’occasione per conquistare medaglie, ma anche per affermarsi definitivamente, avendo dalla sua l’età.

Gli altri: nomi vintage e “coppie” vincenti

di JACK GUEZ/AFP/GettyImages

di JACK GUEZ/AFP/GettyImages

A capitanare questa speciale classifica di probabili atleti azzurri vincenti, c’è senza dubbio Clemente Russo. A 34 anni, e dopo la beffa nella finale olimpica nel 2012, persa contro l’ucraino Usyk, quest’edizione dei giochi olimpici dovrebbe essere l’ultima occasione per il colosso di Marcianise. Arrivato ormai a fine carriera, ma comunque ancora integro fisicamente e competitivo, e potendo sfruttare l’ormai uscita di scena dalle luci della ribalta, “Tatanka” potrebbe salire ancora una volta sul podio.

Chissà che però non siano le coppie a trionfare a Rio, con il duo della vela Giulia Conti e Francesca Clapcich, che hanno dichiarato di andare in Brasile per vincere, avendo la maturità e l’esperienza per farlo. Altra “coppia” vincente, composta però da due fidanzati, potrebbe essere quella fatta da Niccolò Campriani, che dopo l’oro del 2012 è notevolmente calato, e piuttosto dalla fidanzata Petra Zublasing, possibile medaglia nella carabina da 50 m.

Infine, altri nomi su cui l’Italia potrà puntare saranno sicuramente quelli di Frank Chamizo, cubano naturalizzato italiano, favorito nella lotta, Ivan Zaytsev, trascinatore dell’Italvolley, e Carlotta Ferlito, astro nascente della ginnastica italiana.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Diplomato al "Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur" di Roma, studia Scienze della Comunicazione a Roma Tre. Ama lo sport, in particolare il calcio, la musica e il cinema. E' redattore di News24Italy, occupandosi della sezione dedicata al calcio. COLLABORATORE SEZIONE SPORT


'Rio 2016, l’Italia alle Olimpiadi' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares