robotech

Robotech: invasioni aliene, tecnologie perdute e musica

Robotech harmony goldCreata negli Stati Uniti nel 1985 Robotech è una serie televisiva animata di fantascienza composta da 85 episodi nata dall’unione di tre diversi anime non correlati tra loro. Prodotti tutti e tre dalla Tatsunoko , gli anime in questione sono: Macross (Chōjikū Yōsai Macross, 36 episodi, 1982/83), Chōjikū kidan Southern Cross (24 episodi, 1984) e Kiko soseiki Mospeada (25 episodi, 1983/1984).

Prodotta negli USA dalla Harmony Gold con la supervisione di Carl Macek, autore della sceneggiatura e dei dialoghi modificati per dare uniformità alla trama, Robotech divenne in poco tempo una delle serie mecha più amate e note.

I mecha o mech sono robot dalle dimensioni straordinarie spesso di forma umanoide che vengono comandati da almeno un pilota all’interno della struttura metallica di tali veicoli. Tali robot sono stati e continuano ad essere presenti in numerose opere di fantasia, dalla letteratura ai film, passando per manga ed anime.

Il termine mecha si può ricondurre alla parola giapponese meka (メカ), abbreviazione della traslitterazione katakana che deriva dal latino mechanica, che a sua volta deriva da un termine greco il cui significato è mezzo, strumento. Se in Gippone il termine viene usato per indicare ogni elemento meccanico e robotico (inclusi i cyborg), il suo significato più comune però si riferisce a robot con sembianze umanoidi e comandati da un pilota. Fu proprio grazie a Robotech che il termine si diffuse su larga scala.

Nascita di un cult

La nascita di Robotech così come lo conosciamo la si deve alla Harmony Gold e a Carl Macek. La casa di produzione americana era interessata a produrre una versione di Macross per il mercato anglosassone, ma essendo composta da soli 36 episodi incaricò Macek di trovare una soluzione per arrivare al minimo dei 65 episodi, lunghezza minima richiesta dalla reti USA.
Macek decise di unire alla serie di Macross altre due serie animate con il mecha design simile dando così vita ad una serie di 85 episodi divisa in tre parti. Le serie scelte furono Genesis Climber Mospeada e The Super Dimension Cavalry Southern Cross, quest’ultima insieme a Macross e The Super Dimension Century Orguss formava la “trilogia” Super Dimension prodotta dalla Big West Advertising.

Per poter dare vita ad una storia coerente Macek ha riscritto dialoghi, tagliato e rimonta molte scene delle tre serie in modo da poter dar vita ad una storia coerente, americanizzando anche i nomi dei protagonisti. Così facendo la serie che ne ha più risentito è stata Southern Cross essendo quella che funge da ponte.

Per quanto riguarda il nome Robotech fu scelto per questioni di marketing. All’epoca la Revell, una delle principali aziende produttrici di modellini, aveva in catalogo alcuni mecca presenti in Macross in un linea chiamata Robotech robotech lisa hayesDefenders (di cui la DC Comics pubblicò nel 1984 una miniserie a fumetti) e per non disorientare il pubblico e non danneggiare le vendite la Harmony Gold optò per tale nome.

Prima guerra di Robotech (Macross)

Nel 1999 un’astronave aliena dalle dimensioni gigantesche si schianta sull’isola di Macross.

I governi della Terra in guerra tra loro cessarono le ostilità e crearono un governo congiunto per paura di un’invasione aliena. Grazie alla ricostruzione della nave venne creata una flotta basata sulla tecnologia acquisita.

10 anni dopo, nel giorno della sua inaugurazione, l’SDF-1 (Super Dimensional Fortress 1 Macross) inaspettatamente attiva un meccanismo di autodifesa che risponde alla vicina presenza della flotta degli Zentradi, alieni umanoidi giganti dediti alla guerra.

Inizierà così una cruenta guerra tra l’equipaggio dell’adf – 1 e la flotta aliena.

Seconda guerra di Robotech (Southern Cross)

Sono passati 15 anni dalla prima guerra di Robotch e la Terra si sta ancora riprendendo dal precedente conflitto. Improvvisamente nell’orbita del pianeta giunge la flotta dei Signori di Robotech, il cui scopo è recuperare l’ultima matrice di fluido primario, liquido utilizzato sia per l’alimentazione dei motori, e recuperare i segreti della protocultura ideata da Zor Primo .

Prenderà il vià così una nuova guerra che vedrà le Forze di Difesa della Terra contrapporsi ad un nuovo invasore e dove verremo a conoscenza di nuove sconcertanti verità.

 Terza guerra di Robotech (Mospeada)

La temibile razza aliena degli Invid, richiamati dallo sbocciare del fiore della vta, conquistano e colonizzano la Terra. L’ammiraglio Hunter invia sul pianeta un contingente per la riconquista ma questi viene sconfitto dagli Invid ancor prima di giungere sulla superficie terrestre.

Unico sopravvissuto della spedizione è sottotenente Scott Bernard, il quale alla guida di un caccia Varitech e di uno sparuto gruppo di ribelli si dirige verso il Punto di Riflessione, base degli Invid, con l’intento di distruggerlo.

Tematiche

Nonostante le tre serie originali siano molto diverse tra loro hanno una tematica di base comune: la guerra tra l’uomo e un invasore alieno. Che siano Zentradi, Signori di Robotech od Invid in tutte e tre le serie l’umanità sarà costretta a lottare contro popoli provenenti dalla spazio più potenti e tecnologicamente più avanti di loro.

Altro tema portante è l’amore. Nelle tre serie che compongono Robotech grande rilevanza ha l’aspetto romantico della vita dei protagonisti e di come questi sia qualcosa di imprenscindibile per l’uomo ma che invece è incomprensibile, tanto da far paura, agli alieni.

Infine grande rilevanza ha la musica. Nelle tre serie alcuni dei maggiori comprimari sono musicisti (nella seconda serie un’aliena si chiama Musica) e la musica oltre a rappresentare un elemento di conforto contribuisce a rappresentare al meglio lo stato d’animo dei protagonisti.robotech-macross

Colonna sonora

Ruolo importante importante nella saga di Robotech viene rivestita dalla colonna sonora. Composta da Ulpio Minucci (in gran parte) e da Arlon Ober, a cui si deve l’adattamento elettronico, le 46 tracce che compongono la colonna sonora sono state registrate in studio e che sono andate a sostituire le musiche originali.

Oltre ai brani strumentali nella prima e terza serie sono presenti anche canzoni visto che i personaggi di Lynn Minnmay e Lancer/Yellow Dancer sono due cantati con una certa fama. Per cantare i sei brani della idol – My Time to Be a Star, The Man in My Life, To Be in Love, It’s You, The Right Move, We Will Win – venne contattata Reba West, la quale doppiò anche il personaggio. Per quanto riguarda il difensore di Robotech della terza stagione il cantante Michael Bradley oltre ad essere il doppiatore del personaggio interpreta anche i brani da lui cantati (Look Up! The Sky Is Falling, It Don’t Get Any Better, Lonely Soldier Boy, The Way to Love e un arrangiamento di We Will Win).

Inoltre Bradley fu contattato da Macek per lo sviluppo della colonna sonora di Robotech: The Untold Story, di cui scrisse i molti brani quasi tutti interpretati da Joanne Harris, mentre l’esecuzione di In My Heart fu affidata al gruppo Three Dog Night, mentre Only A Fool fu registrata da Gigi Agrama.

Per quanto riguarda la colonna sonora di Robotech II: The Sentinels fu contattata la cantautrice Sunny Hilden, la quale scrisse ed interpretò Together, cantato da Minnmay e Janice Em al matrimonio di Rick Hunter e Lisa Hayes.

Altri progetti

Visto il grande successo di Robotech negli Usa vennero prodotto alcuni spin-off, oltre a un gioco di ruolo prodotto dalla Palladium Books, videogiochi e molto merchandising.

Nel 1984 arriva The Super Dimension Fortress Macross: Do you remember love?, film che riassume la serie originale. Due anni più tardi è la volta di Robotech: The Untold Story il quale non è altro che l’unione di spezzoni Southern Cross con l’OAV Megazone 23, Part I. Inizalmente il film avrebbe dovuto essere costituito da lievi modifiche di Megazone 23, Part I ed essere ambientato durante il viaggio di ritorno sulla Terra da Plutone de l’SDF – 1, ma poiché in quello periodo la Tatsunoko stava pubblicizzando Macross: Do you remember love? fece pressioni affinché Macek non usasse materiale riguardante la continuity di Macross. Il film venne quindi ambientato poco prima della seconda guerra Robotech.

Nel 1987 iniziò la produzione di Robotech II: The Sentinels. La seri avrebbe dovuto mostrare le avventure di Lisa Hayes e Rick Hunter a bordo dell’SDF – 3 ma venne realizzato solo un episodio pilota da 85 minuti. Secondo quanto affermato da Carl Macek la serie prevedeva 65 episodi ma venne cancellata a seguito del crollo del cambio dollaro/yen e per la mancanza di supporto da parte della produttrice di giocattoli Matchbox. Nonostante le numerose petizioni dei fan la serie non è mai stata realizzata, ma il materiale prodotto venne impiegato per la realizzazione di una serie di romanzo scritta Jack McKinney (pseudonimo con cui scrivevano James Luceno e Brian Daley) e serie di fumetti.

robotech macross zeroMacek non ha mai abbandonato Robotech tanto che aveva intenzione di dare vita a Robotech III: The Odyssey, il cui scopo era quello di creare una sorta di storia circolare , ma visto il fallimento di The Sentinels il progetto non andò in porto. Stando alle parole di Richard Firth, della Harmony Gold, Macek aveva in progetto di realizzare fino alla quinta di Robotech, ma lo stesso Macek non hai parlato di progetti di Robotech IV e V.

Non dandosi per vinto Macek tentò di realizzare Robotech 3000, sequel interamente in computer grafica. Di tale prodotto fu sviluppato un trailer di 3 minuti che però alla presentazione alla FanimeCon nel 2000 ottenne scarso successo tra i fan. Il video vede una spedizione venire attaccata da Veritech “infetti”.

Il fatto che Carl Macek e la Harmony Gold abbiano preso tre serie distinte e le abbiano collegate ha creato, e crea ancora oggi, molta confusione tra i fan. Infatti negli anni in Giappone sono stati create serie ed OAV che si ricollegano alla linea temporale della serie originale Macross.

Macross Zero è la serie prequel che in cinque OAV racconta la guerra tra il il governo mondiale delle nazioni unite e le nazioni ribelli che non vogliono farne parte.

The Super Dimension Fortress Macross: Flashback 2012 nonostante narri il concerto di addio di Lynn Minmay alla partenza dell’astronave colonizzatrice Megaroad-01, è in realtà un’insieme di video musicali della serie originale a cui sono state aggiunte scene della prima serie che erano state pianificate ma mai realizzate.

The Super Dimension Fortress Macross: Do you remember love? è il film che riassume, con alcune modifiche, la storia narrata nella serie originale.

Macross Plus è il primo dei sequel di Macross. Ambientato 30 anni dopo la serie principale la storia è ambientata sul pianeta Eden e vede protagonisti due ex-amici collaudatori di caccia e una ex-cantante.

Macross 7 è una serie televisiva composta da 49 episodi che racconta le vicende della di colonizzazione Macross 7 e della guerra contro i Proto-Devil. Tra i protagonisti ritroviamo Maximilian Jenius (ovvero Max Sterling) e Millia Fallyna (Myria nella versione USA).

Macross Dynamite 7 segue le vicende di Basara Nekki e della guerra tra le truppe del pianeta Zola e la razza delle balene spaziali.

Macross Frontier vede protagonista la 25ª flotta coloniale e del loro viaggio in direzione del centro della galassia.

Super Dimension Fortress Macross II: Lovers, Again si svolge 80 anni dopo gli eventi di Macross e narra l’invasione della Terra da parte dei Marduke.

Macross Δ è una serie animata di 18 puntate. Siamo nel 2067 in un pianeta ai confini della galassia minacciato dalla Sindrome di Var, misterioso fenomeno che trasforma le persone berserk senza alcuna causa apparente. Protagonisti della serie sono le Walküre, gruppo di idolo che con le loro canzoni riesce a calmare gli infetti dalla sindrome, e lo Squadrone Delta, team di esperti piloti di Valkyrie il cui compito è proteggere le cantanti.

robotech cronologia

La cronologia delle serie riguardanti Macross.
Fonte: Wikipedia

A tutti i prodotti animati e al manga di Macross 7 Trash che segue Shiba Mido e le sue partecipazioni ai tornei di Tornado Crush, presto Robotech arriverà sul grande schermo. Dopo anni di rinvii a marzo la Sony ha infatti confermato che la saga mecha arriverà al cinema con un live action, di cui per ora non si hanno dettagli in merito.

Non c’è dubbio che la Harmony Gold e Carl Macek fondendo insieme tre serie non collegate tra loro abbiamo creato non poca confusione e che abbiano bistratto tre serie con tagli, rimontaggi, cambi di nome e chi più ne ha più ne metta, ma è anche vero che grazie a loro la serie di Robotech (o se preferite Macross) ha conosciuto grande fama internazionale.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Appassionato di cinema, fotografia, teatro e musica sin da piccolo decide di farne il suo lavoro. Miyazakiano convinto, tanto da incentrare la sua tesi sul suo cinema, e divoratore di anime tanto da volere Eikichi Onizuka come professore al liceo, è uno Jedi come suo padre prima di lui e “nato pronto” e sì, anche un inguaribile nerd (pollice verso per coloro che non colgono le citazioni). Laureato in cinema presso il DAMS di Roma 3 e diplomato in fotografia presso il CST, inizia a collaborare (e tutt'ora collabora) come critico di cinema e fotografo di concerti con varie webzine di cui da subito ha sposato il progetto con entusiasmo. Giornalista pubblicista iscritto all'albo. Sempre in movimento, perennemente in ritardo. CAPOSERVIZIO CINEMA


'Robotech: invasioni aliene, tecnologie perdute e musica' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares