Imola Round: venerdì top per la Superbike, con Davies davanti a tutti

Il mondiale Superbike è approdato a Imola. Questo fine settimana il circuito romagnolo ospita le derivate di serie e i suoi campioni; il pubblico non si è fatto di certo pregare. Davies si prende la palma del “migliore del venerdì”, ma il clima di festa lascia in secondo piano i risultati delle qualifiche del primo giorno. Ecco il racconto della prima giornata.

Imola è autografi, foto e show.

Il pubblico del round romagnolo è sempre molto in forma in occasione del mondiale Superbike. Anche quest’anno la musica è la stessa. Già nella giornata di ieri (giovedì) tanti appassionati erano accorsi all’evento di contorno del mondiale, con alcuni piloti, tra cui Giugliano e Sykes, impegnati in una sorta di lotta revival medievale.

Tom SykesOggi – venerdì – il centro dello spettacolo è stato ovviamente il circuito; non solo per le moto e per le qualifiche, valide per l’accesso alla superpole, ma anche per la possibilità di recarsi nel paddock – aperto solo oggi a ogni tipo di biglietto – per vedere da vicino i propri beniamini. Così in tanti sono accorsi per scattare un selfie con Tom Sykes, letteralmente assalito all’uscita del box, oppure, in particolar modo i ducatisti, con Davide Giugliano e Chaz Davies. D’altrocanto è stato normale assistere a Jonathan Rea che gioca col figlio piccolo all’entrata della sala briefing, o, ancora, essere sfiorati da Jordi Torres in bicicletta. Insomma, il venerdì come sempre è una festa che avvicina i piloti al pubblico.

Davies top. Sfortuna Sykes. Solido Rea.

Veniamo ai risultati. Chaz Davies, come detto, è il migliore del venerdì, chiudendo primo sia nella sessione della mattina che in quella pomeridiana. Il britannico della Ducati, secondo nel mondiale, oltre ad essere performante nel giro secco, risulta estremamente efficace anche nel passo gara, con tanti giri fatti registrare intorno al miglior crono di giornata (1,47.0).

Secondo in prova è Tom Sykes, che ferma il cronometro a 3 decimi da Davies. Il pilota Kawasaki, però, ha avuto un venerdì travagliato, in particolar modo nelle seconde libere, quando si è dovuto fermare due volte per altrettanti problemi tecnici. Morale della favola: 10 giri ultimati in meno dei suoi diretti avversari (Davies e Rea) e solo 3 tornate completate sotto al minuto e 48 secondi. Sarà il favorito per la superpole del sabato; per le gare parte leggermente indietro.

Jonathan Rea chiude invece il solito, e solido, venerdì: pochi giri secchi, ottimo passo gara. Il terzo posto delle qualifiche è frutto di un lavoro certosino alla ricerca della costanza e della tenuta delle gomme. Nonostante Davies sia – sembra – un piccolo step avanti come performance, il nordirlandese può avvalersi di una sequenza di giri intorno al minuto e 48 secondi, fatta registrare nelle seconde libere, che mette paura.

Che il vincitore esca da questi tre? Molto probabile.

Male le Honda, bene le BMW. Domani Superpole e Gara-1.

Malissimo le Honda di Van Der Mark e Hayden. I due alfieri del team olandese chiudono entrambi fuori – e anche di molto – dalla Top-10 del venerdì. Entrambi saranno costretti a passare dalla prima superpole, con uno stancante turno in più da correre. Evidente passo indietro rispetto al round di Assen.

Bene, invece, le Bmw. Reiterberger e Torres chiudono matteo-baioccorispettivamente quarto e sesto, confermando di essere una delle squadra (intesa come moto e piloti) più in forma del lotto. Questa Bmw, tolti quei tre marziani, può veramente lottare per qualcosa d’importante.

Capitolo italiani. Poche parole per Davide Giugliano, che non riesce ad essere incisivo, chiudendo appena fuori dalla top-1o e non colmando, di fatto, quel periodo di crisi che lo attanaglia da qualche round. Bene invece Matteo Baiocco, ottavo e primo italiano del venerdì, che si prende anche la palma di seconda miglior Ducati. Positivo anche Lorenzo Savadori, che, a fronte di un turno mattutino quasi perfetto, chiude la giornata in nona piazza, confermandosi in serie positiva – per usare un termine extra-Sbk – dopo l’impressionante quarto porto (miglior risultato in carriera) della Gara-2 di Assen.

Da segnalare anche un’ottima MV Agusta, con Leon Camier che si prende la top-5.

Domattina al via superpole e prima gara, in programma, come sempre, alle 13. A Imola sarà spettacolo.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

Emanuele Di Baldo

Classe 1992, originario di Albano Laziale, consegue la maturità scientifica nel 2011 e nello stesso periodo inizia a collaborare con varie testate di livello locale. Sempre dal 2011 studia "Lettere Moderne" all'Università La Sapienza di Roma e diventa speaker ufficiale e blogger della web radio www.radioliberatutti.it, nella quale conduce un programma sportivo, a cadenza settimanale, dal nome "Sport 43". Dal 2013 scrive periodicamente per giornali cartacei come "VelletriOggi", "Il Corriere Tuscolano" e "Il Caffè dei Castelli Romani", con articoli che variano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla politica, passando per cultura e spettacolo. Appassionato, a volte maniacale, di sport, cinema, musica e motociclette, è cresciuto con la voglia di scrivere di ciò che più lo attira. VICEDIRETTORE DI WILD ITALY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares