fbpx
media world

Coppie gay escluse a San Valentino? Il boicottaggio che ha fatto chiedere scusa a Media World

Una corsa di 100 secondi per accaparrarsi per primi i prodotti in superofferta di Media World. Questa la promozione della grande catena di consumo per prodotti di telefonia, informatica ed elettrodomestici per la festa di San Valentino. Al concorso della corsa del carrello si accede dopo un’estrazione dedicata proprio alle coppie, vista la festa di San Valentino. Mediaworld ha voluto però escludere le coppie gay e lesbiche dalla competizione. L’indicazione è stata apposta addirittura sul volantino che regola la partecipazione al concorso.

Nell’Italia che celebra il primo 14 febbraio dopo il via alle unioni civili, Mediaworld decide che l’amore non è per tutti. Viene deciso di escludere, in barba ai diritti umani, le coppie dello stesso sesso. Forse un pc in offerta o uno smartphone ultimo modello può essere solo destinato a coppie eterosessuali. Evidentemente Mediaworld vede, forse, le persone gay e lesbiche come non degne di accedere anche alla parità delle offerte.

 

I precedenti: i casi Barilla e Cuomo.

Nel 2013 Guido Barilla aveva chiuso alle famiglie omosessuali, salvo poi dover chiedere scusa per le barbare parole. Alle parole di Barilla era infatti seguita una campagna di boicottaggio a livello mondiale. Un’onda di indignazione in grado di danneggiare sia economicamente che a livello di immagine il nobile pastificio. Nel 2015 invece il boicottaggio tocca al mozzarellificio Cuomo, in provincia di Latina. In tal caso ad essere discriminato era stato un dipendente trans.

Parte immediatamente il boicottaggio anche per Media World che, nella notte, chiede scusa tramite Facebook, dopo che i social avevano fatto tremare l’azienda.

Adesso però l’impegno contro l’omofobia non può fermarsi con delle scuse, ma è necessario un impegno serio. Alla Casa Famiglia Refuge LGBT, che ospita vittime di omofobia e transfobia, serve un televisore. I ragazzi ospitati sono infatti ancora sforniti di tante apparecchiature elettroniche. Media World dimostri che le scuse non sono solo di facciata.


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Coppie gay escluse a San Valentino? Il boicottaggio che ha fatto chiedere scusa a Media World' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares