Sbagliando si impara, dall’app Motodroid

Che siate motociclisti da pista o centauri amanti degli avventurosi itinerari di montagna, dovreste fare più che un pensierino su questa nuova App “sforna-dati”

UN’APP AL GIORNO…

IMG_0442Basta passeggiare (virtualmente) per le vie dell’App Store o di Google Play, per verificare quante siano le App scaricabili e di quante poche  siano le azioni che oramai siamo in grado di fare senza di esse. Nonostante questa deriva apocalittica, va detto che le App democratizzano attività che altrimenti sarebbero relegate a pochi, come registrare la telemetria di una moto in pista o memorizzare un percorso fatto su strada. Per stare certi della qualità di una di queste, l’abbiamo testata per voi.

COS’E’ ?

Motodroid (disponibile solo per Android) è un App per Smartphone da 1.79 Euro adatta ai motociclisti che intendono conoscere più approfonditamente, e per mezzo dei numeri, il proprio stile di guida.

10153852_290599481139391_4364587004987643583_n

COME FUNZIONA ?

Posizioniamo il nostro Smartphone sulla moto (con apposito supporto) o nel taschino della giacca e anche senza badare alla posizione, l’App si calibrerà automaticamente! Nella schermata principale è possibile scegliere la modalità View per avere i riferimenti in tempo reale, ma è meglio che si faccia in contesti adatti e non pericolosi, come la pista; in alternativa ci si può giocare la modalità Rec, per vedere con tutta calma il tragitto effettuato con relative statistiche e grafici. Scegliendo la visione istantanea sarà il caso di selezionare la moto che fa per voi tra la riproduzione di una Sport, Custom, Cross e Old Wheels, oppure ci saranno delle semplici lancette a riprodurre e annotare i vostri movimenti sullo schermo.
I dati rilevati riguardano:
posizione GPS, e quindi sarà creato un tragitto come avviene su Google Maps
– velocità in km/h
– altitudine
– accelerazione frontale e quindi gas/frenata
– accelerazione laterale che subisce il vostro corpo in curva
– angolo di piega a dx e sx
– angolo di impennata
– angolo di stoppie10641254_290600007806005_5794670476739123134_n

Non siate intimoriti dall’utilizzare la modalità Rec, ogni 15 minuti avverrà un salvataggio automatico per evitare che si perdano i dati, ma in fase di replay potrete vedere l’intero itinerario come se fosse stato salvato un unico file. Questo è uno dei bug che sono già stati risolti dai realizzatori che intendono continuare a prendere in considerazione le richieste degli utenti personalizzando, se possibile, il prodotto offerto.

CHI L’HA REALIZZATA?

I realizzatori di Motodroid sono due ragazzi romani con il pallino per le moto. Con una laurea in fisica a testa e una porzione di tempo libero, hanno partorito la loro prima App, che non poteva che essere ad hoc per i centauri. Tutte le info

Misurarsi con se stessi o con degli amici, mentre si cavalca una due ruote classica e turistica o moderna e pistaiola, non sarà più lo stesso. Emozioni e scambio di opinioni analogiche, sono sostituite da condivisioni social e parametri numerici; ma se un tempo bastava una mela per togliere il medico di torno, ora tocca alle app.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE! 


About

Appassionato di motori sin dall’infanzia, comincia il suo percorso professionale di giornalista auto e motociclistico dal compimento dei diciotto anni, subito dopo aver preso la patente di guida. Anche negli studi ha confermato la sua vena motoristica laureandosi nel 2012 in Scienze e tecnologie della comunicazione con una tesi riguardante la Fiat 500 come prodotto culturale e nel 2015 in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione analizzando il Tg2 Motori in un progetto con la cattedra di formati e stili del giornalismo radio televisivo. Di pari passo con la frequentazione dell’Università la Sapienza di Roma, ha collaborato e collabora in qualità di redattore e tester con numerose riviste di settore; tra le più importati: Car Magazine e Special Cafe. Da aprile 2014 cura una galleria fotografica su Instagram Special_Racer. Dal 14 aprile 2010 è iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti del Lazio. RESPONSABILE SEZIONE RUOTIAMO (MOTORI).


'Sbagliando si impara, dall’app Motodroid' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares