scappa-get-out-daniel-kaluuya

Scappa – Get Out, Il thriller-horror che consacra l’esordio di Jordan Peele

Una delle poche regole non scritte per un regista esordiente è che il suo debutto, la sua opera prima, debba essere di grande impatto. L’obiettivo è essere ricordato dagli spettatori. Ci sono stati e ci sono molti nomi di grandi registi che hanno fatto valere la propria arte fin dal principio. Tra questi si aggiunge Jordan Peele (Nudi e Felici, Cicogne in missione). Scappa – Get Out è, infatti, un ottimo debutto dietro la macchina da presa per questo giovane cineasta 38enne. Una pellicola che può essere senz’altro aggiunta al catalogo dei migliori lavori del genere thriller-horror.

Il film si differenzia però da prodotti simili grazie al suo adattamento satirico di una moderna e assurda forma di razzismo. Scappa – Recensione di Scappa - Get Out, film d'esordio di Jordan PeeleGet Out ha colpito la critica talmente tanto da aggiudicarsi giudizi stellari, tra cui il 99% delle preferenze sul sito di principale di aggregazione di recensioni Rotten Tomatoes.

Nel cast si annoverano nomi quali: Daniel Kaluuya (Black Mirror, Sicario), Allison Williams (Our Generation, The Mindy Project), Bradley Withford (Philadelphia, Saving Mr. Banks), Catherine Keneer (Essere John Malkovich, Truman Capote – A sangue freddo) e Caleb Landry Jones (Non è un paese per vecchi, X-Men: L’inizio).

Sinossi

Chris e Rose hanno una relazione e sono piuttosto innamorati. Un giorno Chris viene invitato da Rose ad andare a conoscere i suoi genitori, i quali non sanno però che il fidanzato della loro figlia è nero. La ragazza, però, nonostante i dubbi di Chris, è convinta che tutto andrà per il meglio. Nel momento in cui arrivano a casa dei genitori di Rose, Dean e Missy, la presentazioni procedono regolarmente. Inizialmente Chris si ambienta, nonostante una certa tensione dovuta al fatto che in quella casa ci sono solo domestici neri.

I problemi iniziano ad arrivare quando Chris si accorge che i due domestici si comportano in maniera insolita. Il ragazzo cerca di avere un contatto con loro, ma questi lo respingono in modo inquietante. Inoltre anche i genitori di Rose iniziano ad avere strani atteggiamenti nei suoi confronti. Il giovane inizia a pensare che questa relazione interrazziale possa essere a tutti gli effetti un problema.

Con il passare del tempo Chris nota anche che tutto il quartiere non smette di osservarlo. Tormentato da questa pressione, è intenzionato a capire il motivo di tali atteggiamenti. Quando finalmente scoprirà il perché di questa angosciante situazione sarà troppo tardi. Dovrà fare solo una cosa: scappare!

Una forma moderna e inquietante di vedere il razzismo

scappa-get-out-catherine-keener-bradley-whitfordQuello che colpisce molto di Scappa – Get Out è senza dubbio la storia. Un modo di guardare il razzismo da un punto di vista molto moderno e assai inquietante. La disavventura di Chris gira intorno a questo tema. Dal momento in cui arriva capisce subito di non essere il benvenuto. Non a caso lo slogan del film è «Sei stato inviato ma non sei il benvenuto».

Inizialmente i genitori sembrano molto ospitali e gli fanno capire tutt’altro ma, andando a fondo, il protagonista scopre che non è così. Il motivo di questo odio, intorno al quale gira l’intera trama, è davvero innovativo e ci mostra una nuova forma di razzismo che viaggia tra il dispotico e il surreale.

Il thriller-horror è un genere molto complesso da elaborare perché richiede parecchio equilibrio. Sono pochi i film e i registi in grado di trovarlo ma Jordan Peele ha dimostrato preparazione e naturalezza nell’affrontarlo. Il film infatti si bilancia benissimo. Abbiamo la suspence del thriller e quel tocco con sfumature di soprannaturale che ci fa addentrare nel mondo dell’horror senza esagerare. Il lavoro del regista è forte di una solidissima sceneggiatura (scritta sempre da lui stesso) che si dimostra il punto chiave originale.

LEGGI ANCHE: KRISTY, CACCIA ALLA STUDENTESSA TRA SUSPANCE E CLICHÉ

 

Paure, misteri e… risate!

Oltre a spaventare, incuriosire e rabbrividire, Scappa – Get Out ci fa anche ridere. Jordan Peele, prima di affrontare questo genere, era conosciuto per i suoi ruoli comici in film e serie tv. Si può dire, per l’appunto, che “il far ridere” è un suo punto forte e in questa pellicola ritroviamo proprio la sottile vena umoristica. Un vero uso intelligente. La comicità offerta dal cineasta non è banale o demenziale. Riprende le tematiche della storia e delle reazioni che si legano ad essa. Questo punto del film si dimostra davvero d’effetto perché tra spaventi che fanno sobbalzare dalla sedia e ambigui comportamenti che fanno rabbrividire, fa piacere spezzare il tutto con una bella risata. Specialmente se è un tipo di risata azzeccata e di buon gusto.scappa-get-out-daniel-kaluuya-allison-williams

Scappa – Get Out oltre a fornirci tutto questo grande spettacolo, da un punto di vista visivo non tradisce. Osserviamo una buona fotografia e grande accuratezza nella scenografia.

Anche da un punto di vista di regia, il film si mostra eccellente. La scelta delle inquadrature e i modi di gestire determinate situazioni ci mostrano la grande di capacità di Jordan Pelee.

Un ottimo debutto

In conclusione la pellicola, sembrerà retorico ripeterlo ma è necessario, si dimostra un ottimo debutto. Un prodotto che raggiunge quasi la perfezione. Per il thriller-horror è una ventata d’aria fresca che può tracciare una nuova strada, densa (speriamo) di miglioramenti.

Jordan Peele firma un’opera prima da non lasciarsi assolutamente scappare. Un film che lo consacra come uno scrittore e regista di grande talento da cui aspettarsi parecchie e grandi sorprese.

Scappa – Get Out sarà disponibile nelle sale cinematografiche italiane dal 18 maggio distribuito da Universal Pictures.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Classe 1992, vive a Fregene, comune di Fiumicino. Si è laureato in Sociologia presso la sede di Scienze della Formaziona a Roma Tre il 12/07/2016. E’ da sempre appassionato di cinema, il suo sogno è quello di diventare un Regista. Mentre aspetta di coronare il suo sogno, cercando di entrare nel prestigioso Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, si presta a scrivere sceneggiature (di cui per ora una completa ed una in lavorazione). La sua passione lo ha portato qui per poter dire la sua opinione ufficiale sulle pellicole in uscita sul grande schermo. COLLABORATORE SEZIONE CINEMA


'Scappa – Get Out, Il thriller-horror che consacra l’esordio di Jordan Peele' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares