Sestu, 12 febbraio 2011: 1° Premio Nazionale Emanuela Loi

Era il 19 luglio del 1992 quando l’agente della Polizia di Stato, Emanuela Loi, che faceva da scorta – insieme ai suoi Walter Eddie Cosina, Agostino Catalano, Claudio Traina e Vincenzo Li Muli – al magistrato Paolo Borsellino, venne uccisa nella strage di Via d’Amelio a Palermo. Non sopravvisse nessuno…

E’ triste pensare come servitori dello Stato che danno l’anima per questo paese vengano eliminati perchè hanno una sola colpa: amare questa nazione. Fu un segnale forte quello che – con l’attentato a Borsellino e, prima ancora, a Giovanni Falcone – i vertici di Cosa Nostra vollero dare alla classe politica dell’epoca. O abbassavano la testa e collaboravano oppure gli avevano fatto capire che non si sarebbero fermati tanto facilmente.

L’agente Loi, originaria di Sestu (una piccola cittadina ad 11 km da Cagliari) venne insignita il 5 agosto, in seguito alla sua morte, della medaglia d’oro al valor civile.

Per ricordare una figura così coraggiosa che ha saputo mettere la propria vita in pericolo per ciò in cui credeva, il Movimento Culturale “Sardegna Virtuosa” e “il Popolo delle Agende Rosse” hanno organizzato per sabato 12 febbraio proprio a Sestu, in occasione della 2° Giornata regionale della Legalità e Moralità, il “1° Premio Nazionale Emanuela Loi”.

La giornata si articolerà in questo modo: alle ore 16, ci sarà il ritrovo nella Piazza del Municipio per andare a deporre la corona sulla tomba di Emanuela. Alle ore 18, presso l’aula Consiliare (Via Scipione), si terrà un convegno-dibattito dal titolo “Omaggio a Emanuela Loi” La Forza delle Idee, la Forza del Coraggio” al quale parteciperanno: Salvatore Borsellino (fratello del magistrato defunto, Paolo e fondatore del Popolo delle Agende Rosse); Gioacchino Genchi (Poliziotto e informatico italiano); Ferdinando Imposimato (Magistrato e Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione); Don Alessandro Santoro (Fondatore della Comunità delle Piagge a Firenze); Piero Ricca (Blogger e fondatore di “Qui Milano Libera”) ed Enrico Bellavia (Giornalista di Repubblica e autore del libro “Un uomo d’Onore”). Tale convegno, verrà introdotto da Marcello Abis (Presidente del Movimento Culturale Sardegna Virtuosa) e verrà moderato da Fabio Usala, membro del Popolo delle Agende Rosse.

A seguire ci sarà il 1° Premio Nazionale Emanuela Loi, introdotto da Vincenzo Agostino, simbolo di tutti i familiari delle vittime della mafia.

Per aderire: http://www.facebook.com/event.php?eid=141454635913966

MATTEO MARINI


About

Giornalista pubblicista, fondatore e direttore di Wild Italy. Ha collaborato con varie testate nazionali e locali, tra cui Il Fatto Quotidiano e La Notizia Giornale, ed è blogger per l’Huffington Post Italia. Nel 2011 ha vinto il Primo Premio Nazionale Emanuela Loi (agente della scorta di Paolo Borsellino, morta in Via d’Amelio) come “giovane non omologato al pensiero unico”. Studioso di Comunicazione Politica, ha lavorato in campagne elettorali, sia in veste di candidato che di consulente e dirige, da fine 2016, Res Politics - Agenzia di comunicazione politica integrata . DIRETTORE DI WILD ITALY.


'Sestu, 12 febbraio 2011: 1° Premio Nazionale Emanuela Loi' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares