Spettacolo Sbk ad Assen, Rea uccide il Mondiale

In Olanda le gare più belle, non c’è dubbio. Lo scorso fine settimana in quel di Assen, infatti, la Superbike ha fatto visita alla cosiddetta “Università dei motori”, non tradendo le aspettative con delle gare splendide e combattute in tutte le categorie, fino all’ultima curva. Rea trionfa ancora, un mostro su Spettacolo Assenuna moto perfetta.

CHE SPETTACOLO!

Fortunati i tifosi e gli appassionati accorsi in Olanda per seguire il quarto round della stagione. Il circuito di Assen, che si presta da anni a delle gare pazzesche, ha livellato i valori in campo e ci ha consegnato una lotta vera e propria fino all’ultima chicane; per chi ama questo sport, è musica per le proprie orecchie. Rea, Davies, Haslam, Van de Mark e Sykes se le sono date di santa ragione in entrambe le gare, donando a questa competizione quello spirito che mancava da qualche anno. Di certo il regolamento del 2015 ha facilitato tutto ciò, poiché team e moto sono tutti sullo stesso piano e ogni pilota ci deve mettere molto del suo per stare davanti agli avversari (cosa che accade poco nelle altre categorie motociclistiche, dove l’elettronica la fa da padrona). Ma di questo ne beneficia lo spettacolo? Si direbbe proprio di sì.

RE REA.

Verrebbe da dire: fantastico il contorno ma la sostanza non cambia. Ci eravamo lasciati, una settimana fa, con Jonathan Rea leader del Mondiale, con un vantaggio saldo quanto il suo talento. Dopo Assen le cose rimangono come sono; doppietta Rea e tutta la compagnia è costretta ad inseguire. Ciò che in Olanda ha spaventato di più del campione nordirlandese è la sua tenuta mentale. Il pilota Kawasaki, infatti, ha dimostrato di conoscere i suoi limiti e di saper gestire una gara, cosa che il suo compagno di squadra Tom Sykes, campione 2013, nonostante un mondiale vinto non è mai riuscito a fare (come Reaha dimostrato anche nell’ultimo round). Frutto di stili di guida differenti, su questo non c’è dubbio, ma per vincere un mondiale probabilmente la strategia Rea rimane quella più affidabile. I risultati sono dalla sua; più 50 punti sul secondo in classifica Leon Haslam (2 gare di distanza, in poche parole) e 6 vittorie sulle 8 gare disputate. Il peggior risultato è un secondo posto. Non serve nemmeno fare i conti.

DESTINAZIONE IMOLA.

Finalmente si arriva in Italia, Imola sarà la prossima tappa (10 maggio). Stando alle statistiche, il copione prevede ancora una volta la lotta Rea-Davies e, quindi, Kawa-Ducati. Anche ad Assen Chaz è stato l’unico, perlomeno in gara, a dimostrare di poter combattere con il pilota nordirlandese e il fatto che sulla prossima pista la Ducati sia di casa non fa che deporre a suo favore. L’anno scorso fu doppietta Rea (in sella alla Honda) e due volte secondo Davies. Gli scommettitori più accaniti punteranno sicuramente ancora su questa coppia. Aprilia e Sykes, quest’ultimo senz’altro il pilota più deluso, i possibili outsider.

Davide GiuglianoBENTORNATO DAVIDE!

Se non ci saranno dietrofront dell’ultimo minuto, ad Imola dovrebbe tornare sulla sella della Ducati Aruba anche Davide Giugliano. Il pilota romano, che in Australia, durante i test invernali, cadde rovinosamente riportando la frattura di alcune vertebre, è tornato a guidare una moto dopo più di due mesi e sembra che l’attesa, oramai, sia finita. Le speranze italiane, perlomeno di alta classifica, sono tutte riposte in lui e, dopo ciò che ha passato, solamente il lottare con i migliori nella gara di casa sarebbe un traguardo splendido oltre che meritato. Se anche Giugliano si unisce allo spettacolo, il dieci maggio la SBK ad Imola è un appuntamento assolutamente da non perdere.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE! 

Emanuele Di Baldo

Classe 1992, originario di Albano Laziale, consegue la maturità scientifica nel 2011 e nello stesso periodo inizia a collaborare con varie testate di livello locale. Sempre dal 2011 studia "Lettere Moderne" all'Università La Sapienza di Roma e diventa speaker ufficiale e blogger della web radio www.radioliberatutti.it, nella quale conduce un programma sportivo, a cadenza settimanale, dal nome "Sport 43". Dal 2013 scrive periodicamente per giornali cartacei come "VelletriOggi", "Il Corriere Tuscolano" e "Il Caffè dei Castelli Romani", con articoli che variano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla politica, passando per cultura e spettacolo. Appassionato, a volte maniacale, di sport, cinema, musica e motociclette, è cresciuto con la voglia di scrivere di ciò che più lo attira. VICEDIRETTORE DI WILD ITALY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares