superbike 2018 calendario piloti

Superbike 2018: calendario, piloti e anticipazioni della nuova stagione mondiale

È tutto pronto. Come ogni anno il mondiale Superbike riapre i propri battenti a fine febbraio, con la consueta e storica tappa australiana di Phillip Island. Appassionati occasionali, fan accaniti o semplicemente amanti delle due ruote; il weekend 23-24-25 tutti seguiranno l’apertura della stagione iridata, con le motociclette derivate dalla produzione di serie che alzeranno ufficialmente il sipario dell’annata racing. La Superbike 2018 scalda i motori.jonathan rea

Tante domande affollano la mente dei cultori di questa categoria. Jonathan Rea riuscirà a portare a casa il quarto sigillo mondiale, dopo il terzo consecutivo (record!) messo in bacheca lo scorso anno? Chi sarà il principale antagonista del nordirlandese? Quanto influirà sui risultati il nuovo – e alquanto ambiguo – regolamento WorldSBK? La Ducati sarà in grado di tenere testa alla Kawasaki, oppure le sorprese saranno Honda e Yamaha?
Di sicuro non è facile prevedere ciò che succederà e, di conseguenza, rispondere a questi quesiti già oggi è oltremodo prematuro. Solo i risultati sul campo – come si dice, oramai, in gergo – conteranno. Ma prima di seguire le gesta dei fenomeni in pista, è opportuno rimanere informati. Ecco una guida veloce e sicura della nuova stagione del mondiale Superbike, con tutti i tracciati e i piloti protagonisti della trentunesima annata iridata.

Da Phillip Island a Losail: il calendario della Superbike 2018

Il calendario, diramato provvisoriamente già al termine della stagione 2017, prevede anche per quest’anno tredici round. Dopo le solite manche iniziali dall’Australia, con Phillip Island che tocca le 28 presenze su 31 edizioni (è in assoluto il circuito più longevo del mondiale), si torna in pista esattamente un mese più tardi, 23-24-25 marzo, in Thailandia, sul circuito di Buriram. L’approdo in Europa è previsto per metà aprile, con il round ispanico di Aragon. Fino all’autunno, poi, si gira in lungo e in largo il vecchio continente, fino alla tappa francese di Magny-Cours di fine settembre. In mezzo, come ogni stagione, i due classici appuntamenti italiani – Imola a maggio e Misano a luglio – e l’affascinante weekend a stelle e strisce di Laguna Seca.

A ottobre, infine, le ultime gare: la novità assoluta del “Motul Argentinian Round“, sull’inedito tracciato argentino (da confermare), e la chiusura di fine mese a Losail, pista tanto cara agli sceicchi del Qatar. Non saranno presenti in calendario gli appuntamenti di Lausitzring, in terra tedesca, e di Jerez de la Frontera, ex round spagnolo. Al loro posto promossa l’Argentina, come già annunciato, e l’atteso ritorno di Brno, storico tracciato della Repubblica Ceca. Di seguito l’elenco completo degli appuntamenti della stagione 2018:

  1. Australia – Phillip Island Grand Prix Circuit – 23–25 febbraio
  2. Tailandia – Chang International Circuit 23–25 marzo 
  3. Spagna – MotorLand Aragon13-15 aprile
  4. Olanda – TT Circuit Assen20-22 aprile
  5. Italia – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola11-13 maggio 
  6. Gran Bretagna – Donington Park25-27 maggio 
  7. Repubblica Ceca– Automotodrom Brno8-10 giugno
  8. Stati Uniti – Mazda Raceway Laguna Seca22-24 giugno
  9. Italia – Misano World Circuit Marco Simoncelli6-8 luglio 
  10. Portogallo – Autodromo Internacional do Algarve14-16 settembre
  11. Francia – Circuit de Nevers Magny-Cours28-30 settembre 
  12. Argentina – El Villicum12-14 ottobre 
  13. Qatar – Losail International Circuit25-27 ottobre

I round della Superbike saranno in totale tredici, mentre quelli della Supersport dodici; le 600, come ogni anno, salteranno l’appuntamento di Laguna Seca. Le categorie Supersport 300 e Superstock 1000, invece, si confermano ancora prettamente continentali, con otto manche complessive da disputare esclusivamente nei weekend europei.

Tutti i protagonisti del mondiale: dai soliti noti…

Otto mesi di pura passione, conditi da tredici round distribuiti in quattro continenti differenti. I presupposti, gli appuntamenti sul calendario e i tracciati ci sono; ora scopriamo le moto e i piloti in lizza per il titolo.
phillip island superbike 2017Il team da battere è senz’altro quello ufficiale Kawasaki. La Ninja conferma squadra, piloti e livrea verde, potendo contare per il quarto anno consecutivo su due iridati SBK: il campione in carica Jonathan Rea, di sicuro il favorito numero uno, e Tom Sykes. Riuscirà la Casa di Akashi a battere avversari e nuovo regolamento in un colpo solo?

Subito dietro troviamo la squadra tricolore Ducati. Confermatissima la coppia Chaz DaviesMarco Melandri. Come già annunciato da Borgo Panigale, il 2018 è l’ultimo anno del bicilindrico; dalla prossima stagione, infatti, dovrebbe debuttare il nuovo motore V4, uniformando di fatto anche la Ducati – dopo il cambio di Aprilia – alle big della concorrenza. Stando ai pronostici della vigilia, sarà ancora Davies l’antagonista predestinato di Rea. Ma occhio anche a Melandri, che viene senz’altro da un’annata positiva e da test ufficiali molto interessanti

In Yamaha nulla cambia: ancora al loro posto Alex Lowes e Michael Van der Mark, portacolori del team ufficiale. Stesso discorso vale per Aprilia, che ha rinnovato sia la partnership con la squadra Milwaukee, che la presenza in griglia di Lorenzo Savadori e Eugene Laverty. Il team privato Barni Ducati, che tanto ha fatto bene nel 2017, ha confermato anche per quest’anno il suo unico pilota, lo spagnolo Xavi Fores.

Alle novità più intriganti…

Seguono i primi avvicendamenti. L’autunno passato ha portato Leon Camier in Honda. Il britannico, reduce da eccellenti prestazioni in sella alla bellissima MV Agusta, si prende la prima guida del team ufficiale giapponese; scartato, dopo una sola stagione (e per di più insufficiente), il tedesco Stefan Bradl. Vicino a Camier schierato l’americano Jack Gagne, confermato come sostituto del compianto Nicky Hayden. Sarà il 2018 l’anno giusto per la rinascita della nuova CBR?loris baz bmw 2018

L’approdo di Camier in Honda ha scatenato un cambio di selle. In MV arriva l’iberico Jordi Torres, alfiere esclusivo della bellissima F4; il team BMW, invece, punta tutto sul ritorno del figliol prodigo Loris Baz, che lasciò la Superbike tre anni orsono con tanto di scaramucce nel team Kawasaki. La moto di Althea è l’unica presenza tedesca ufficiale in gara.

Nell’elenco delle novità si aggiunge anche Toprak Razgatlioglu, schierato da Puccetti Racing – team privato e italiano – come propria punta di diamante. Il turco, giovane fenomeno figlio della scuola Kenan Sofuoglu, viene da due stagioni non semplicissime in Superstock, e sarà di sicuro una variabile imprevedibile. La sua Ninja va ad aggiungersi alle due ufficiali e a quella già conosciuta dello spagnolo Roman Ramos, confermato portacolori del team GoEleven.

Ma il tripudio verde non finisce qui. Anche Pedercini (altro team privato italiano!) schiera la sua Kawa, guidata dal colombiano Yonny Hernandez, mentre tutto di nuova concezione, per la Superbike 2018, è il team Orelac Racing Verdnatura, che prepara la verdona di Leandro Mercado. A completare la griglia troviamo il ceco Ondrej Jezek, in sella all’italiana Yamaha Guandalini, e la new entry americana PJ Jacobsen, che approda direttamente dalla Supersport con la Honda CBR del team Triple M.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Classe 1992, originario di Albano Laziale, consegue la maturità scientifica nel 2011 e nello stesso periodo inizia a collaborare con varie testate di livello locale. Sempre dal 2011 studia "Lettere Moderne" all'Università La Sapienza di Roma e diventa speaker ufficiale e blogger della web radio www.radioliberatutti.it, nella quale conduce un programma sportivo, a cadenza settimanale, dal nome "Sport 43". Dal 2013 scrive periodicamente per giornali cartacei come "VelletriOggi", "Il Corriere Tuscolano" e "Il Caffè dei Castelli Romani", con articoli che variano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla politica, passando per cultura e spettacolo. Appassionato, a volte maniacale, di sport, cinema, musica e motociclette, è cresciuto con la voglia di scrivere di ciò che più lo attira. VICEDIRETTORE DI WILD ITALY


'Superbike 2018: calendario, piloti e anticipazioni della nuova stagione mondiale' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares