superbike assen 2017 Rea

Superbike Assen 2017: Jonathan Rea e le 200 gare in carriera

Con il round Superbike Assen 2017, sono stati riscritti ancora una volta dei record sul taccuino delle statistiche del mondiale. L’artefice di tutto è sempre Jonathan Rea, leader della classifica e campione iridato uscente, che mette a segno un’altra strepitosa doppietta sul suo tracciato preferito. L’Olanda, oramai, è casa sua.

Le 200 di Johnny.

Miglior modo per festeggiare le 200 gare in Superbike non c’è. Jonathan Rea si prende la terza doppietta su 4 round in questo 2017, lasciando appena 5 punti per strada (195 su 200 disponibili). Primo in classifica con 64 punti di vantaggio sul compagno di squadra Tom Sykes e 84 sul rivale designato – e ducatista – Chaz Davies, il nordirlandese ha già messo in ghiacciaia il mondiale 2017. E non siamo ancora arrivati a un terzo del calendario.Rea bandiera Irlanda del Nord

Doppietta e 200 gare in carriera in Sbk (esordio nel 2008); il tutto sul proprio tracciato preferito, sul quale vince consecutivamente da 7 manche. Rea è la croce e la delizia del presente del mondiale delle derivate di serie. Una costante che sconforta gli avversari e fa le fortune di Kawasaki, che da quando ha deciso di dedicarsi esclusivamente alla Superbike non perde più. Chi riuscirà a rompere il dominio della casa di Akashi? All’orizzonte, nonostante i buoni propositi di Ducati, qualcuno in grado di battere Rea sulla lunga distanza ancora non si vede.

Con l’ennesima doppietta di domenica, il nordirlandese arriva a 11 vittorie sul tracciato olandese. Adesso è solamente a un sigillo di distanza da Carl Fogarty, che detiene il record di 12 proprio ad Assen. Magari l’anno prossimo…

Rea a grandi passi verso la leggenda.

Nel weekend Superbike Assen 2017, Jonathan Rea non sfonda solo la barriera delle 200 gare nel mondiale. Si prende anche le vittorie numero 44 e 45 della carriera, entrando nella Top-3 dei piloti più vincenti di sempre. Scavalcato Noriyuki Haga. Ora davanti ci sono solamente Troy Bayliss, a quota 52, e Carl Fogarty, leader con 59.

Per non parlare dei podi; Rea tocca quota 96 su 200 gare – quasi il 50 per cento – staccando Troy Bayliss al quarto posto nella classifica All Time. È in serie aperta da 7 round; sono 13 i podi consecutivi a cavallo tra il 2016 e il 2017. Si aggiornano anche i dati per quanto riguarda la testa della classifica. Con questa settimana, infatti, sale a quota 30 il numero di round consecutivi in cui Rea è leader del campionato. Praticamente sempre da quando è in sella alla verdona.

rea sykes davies Assen 2017Con le 7 vittorie su 8 gare in questo 2017, il nordirlandese fa anche registrare il miglior inizio di stagione dai tempi di Neil Hodgson – che fece l’en plain nel 2003.

Considerando il vantaggio in classifica e il periodo di forma, che in realtà dura da 2 anni e mezzo, Rea si sta decisamente avvicinando a grandi passi verso il terzo mondiale consecutivo. Diciamolo: quest’impresa non è mai riuscita a nessuno.

Verso Imola.

Ora agli avversari rimane solo guardare al futuro con speranza – come accade ormai da un paio di stagioni. Già dal prossimo round, quello italiano di Imola, dove lo scorso anno a portare a casa una doppietta fu Chaz Davies. La Ducati aspetta l’Italia per la riscossa, anche se questo inizio 2017 ha portato con sè più dubbi che certezze.

Così come è stato ad Assen. Si sapeva che la pista olandese era pro Rea, ma di certo rompere all’ultimo giro mentre si è in lotta per la vittoria, non era una possibilità che Davies aveva preso in considerazione. Ed è ciò che è accaduto in Gara-1. Nella manche domenicale, invece, la Kawasaki si è dimostrata troppo superiore, portando a casa, con Rea e Sykes, una doppietta che lascia poco spazio a recriminazioni. Per riaprire il mondiale adesso serve un miracolo.

Di sicuro il primo ausilio per farlo è la vittoria. A Tom Sykes manca addirittura da Laguna Seca dello scorso anno. Davies, invece, è sotto 7-1 in questa stagione, nella sua personalissima lotta contro Rea. Tanti tifosi italiani aspetteranno anche Marco Melandri, che manca all’appello da Magny Cours 2014. Dopo 2 anni di stop, però, per il ravennate l’impresa sarà davvero ardua. Chissà che possa esplodere proprio sul circuito amico…

Il primo passo per riaprire i gochi, quindi, sarà quello di schiodare il nordirlandese dal gradino più alto del podio. Il secondo, invece, sarà la costanza, ma senza il primo step il mondiale rimane di sicuro in freezer.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Classe 1992, originario di Albano Laziale, consegue la maturità scientifica nel 2011 e nello stesso periodo inizia a collaborare con varie testate di livello locale. Sempre dal 2011 studia "Lettere Moderne" all'Università La Sapienza di Roma e diventa speaker ufficiale e blogger della web radio www.radioliberatutti.it, nella quale conduce un programma sportivo, a cadenza settimanale, dal nome "Sport 43". Dal 2013 scrive periodicamente per giornali cartacei come "VelletriOggi", "Il Corriere Tuscolano" e "Il Caffè dei Castelli Romani", con articoli che variano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla politica, passando per cultura e spettacolo. Appassionato, a volte maniacale, di sport, cinema, musica e motociclette, è cresciuto con la voglia di scrivere di ciò che più lo attira. VICEDIRETTORE DI WILD ITALY


'Superbike Assen 2017: Jonathan Rea e le 200 gare in carriera' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares