Transfobia

Transfobia. Quando la stampa uccide la seconda volta

La cronaca romana apre con la notizia di una transessuale trovata uccisa a Roma, in zona Settecamini. Recuperato il cadavere in un campo, avvolto in un sacco dal suo assassino, sembrerebbe una delle tante vittime di transfobia da aggiungere alla lista delle persone trans uccise in Italia, tra i paesi europei con più omicidi del genere. Eppure, di questa vicenda, stupisce, ormai come quasi sempre, l’atteggiamento della carta stampata. Tante le testate che continuano ad ignorare l’uso corretto di un linguaggio rivolto alle persone trans. Una vita passata a lottare per identificarsi in un genere diverso da quello di un sesso biologico costringente, per poi trovare giornalisti da strapazzo che continuano a parlare al maschile nei casi di persone che transitano da uomo a donna (MtF – Male To Female).

I più importanti giornali d’Italia, che dovrebbero raccogliere il fior fiore dei giornalisti, chiamano la ragazza trovata morta con l’appellativo al maschile: “un trans“. Qualcuno rettifica, ma il segnale dell’ignoranza è evidente. Il Corriere transfobia_ansadella Sera parla chiaro: «Ucciso un transessuale», e così per tutto il testo dell’articolo, parlando al maschile. Per Il Tempo è «Il giallo del trans nel cassonetto», e neanche Il Fatto Quotidiano cambia rotta parlando di «Un trans ucciso a botte in testa». Nemmeno Repubblica e Il Messaggero si salvano, che pur parlando al femminile, pubblicano il nome al maschile della persona morta, dando l’ultima pugnalata ad un’identità mai riconosciuta.

L’elenco della transfobia da giornalismo continua poi su tante testate online, da SkyTg24 a TgCom, non escludendo Globalist e Roma Today. L’elenco è lungo, specificando che la stessa ANSA parla di «un trans» nel titolo della notizia.

Non dovrebbe essere difficile capire che quando si parla di “un trans” si fa riferimento ad una persona che transita da donna a uomo, mentre viceversa si parla di “una trans” laddove il sesso in cui ci si identifica è quello femminile. Non rispettare questa semplice regola, che è alla base del riconoscimento dell’individuo, significa non rispettare la persona stessa, e la sua identità. Significa non rispettare storie di sofferenze e dolore, legate al percorso del cambio di sesso troppo difficile in una società transofoba, e marciarci sopra. Come se da un giorno all’altro noi iniziassimo a rivolgerci a questi giornalisti chiamandoli con il proprio nome al femminile, se sono uomini, o al maschile, se sono donne. E così continuando a rivolgerci a loro con aggettivi del sesso opposto.

Transfobia è anche questo. E’ deridere il percorso e la storia di una persona trans, e, in questo caso, una volta morta. Senza che possa difendersi. Uccidendola due volte.

Guarda il video #IoSonoTrans


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Transfobia. Quando la stampa uccide la seconda volta' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares