Tre brevi riflessioni sul colloquio Renzi-Berlusconi

Tre aspetti in particolare mi hanno colpito sull’incontro tra Renzi e Berlusconi di ieri e la valanga di editoriali e commenti di stamattina. Il primo è l’attacco nei confronti del segretario del Pd per aver deciso di incontrare il leader di Forza Italia nella sede del partito per discutere di legge elettorale e riforma del titolo V della Costituzione.

Fare le pulci a Renzi sul luogo scelto per l’incontro è guardare il dito e non la luna. Il Pd è stato al governo con Berlusconi per quasi 3 anni – con Monti prima, e con Letta poi – quella è l’anomalia, l’unica vera gigantesca anomalia, non la sede di un incontro tra due parti politiche. I vari Fassina & co. che stamattina “si vergognano” dell’incontro di ieri sono la peggior parte di quel partito. Oltre che degli ipocriti senza ritegno. (Nel caso fosse sfuggito, Fassina era viceministro del governo Letta-Berlusconi).

Chi oggi accusa Renzi di aver resuscitato il Cavaliere dimentica – o fa finta di non ricordare – che Berlusconi è resuscitato (per l’ennesima volta) il 25 febbraio 2013, grazie ai grandi strateghi dei giaguari da smacchiare e delle carte d’intenti. Renzi non aveva voce in capitolo un anno fa, molti di quelli che ora lo criticano sì, eccome.

Il secondo aspetto è sull’opportunità di discutere di riforme istituzionali con il “nemico” di sempre, o comunque quello degli ultimi vent’anni. Forse ci si è già dimenticati che dal 2005 ad oggi il Parlamento è stato eletto con una legge incostituzionale e nessuno – Pd in primis – ha mosso un dito per cambiarla. Ora un colpo di mano della Consulta (organo non politico, curioso eh?) ha dato finalmente una scossa alla situazione e il segretario del più grande partito italiano ha detto un paio di cose molto semplici: basta giochini di palazzo, patti di crostate et similia, la legge elettorale va fatta subito, chi ci sta bene, chi non ci sta fuori.

Personalmente lo trovo un ragionamento perfetto, e lo dico da non estimatore di Renzi, come è noto.

Infine la terza criticità che viene sollevata è l’aver invitato in casa propria un condannato in via definitiva per evasione fiscale. Certo, Berlusconi è un criminale ed è vero, verissimo che a rigor di logica nessuno inviterebbe un pregiudicato a prendere un caffè in sala, figuriamoci a discutere di riforme costituzionali; ma non è colpa di Renzi se il suddetto criminale è anche il leader di un partito che prende 7 (sette) milioni di voti. Casomai è un problema a) dei suoi elettori b) di quella parte di Pd che con un condannato ci ha fatto governo, leggi, e ha piegato la testa sul ricatto dell’IMU.


About

Torinese, laureato in Studi Internazionali alla Facolta’ di Scienze Politiche. Residente a Londra.


'Tre brevi riflessioni sul colloquio Renzi-Berlusconi' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares