Tsipras, i danni di guerra e la commissione d’inchiesta

Dopo l’ipotesi annunciata dal ministro della Giustizia greco riguardo la possibilità di dare esecuzione alla sentenza del 2000 della Corte Suprema concernente il sequestro dei valori materiali e immateriali a utilità pluriennale delle Germania, anche la ragioneria dello Stato ha fatto i suoi conti: 279.268.700.000 euro è la cifra esatta che la Grecia, su richiesta del viceministro delle Finanze Dimistris Mardas, chiede alla Germania per i danni causati al popolo ellenico durante la Seconda Guerra Mondiale.

Greek Premier Alexis Tsipras addresses Syriza party lawmakers in AthensLa carta dei danni di guerra
Alexis Tsipras sin dalla campagna elettorale ha sempre puntato sui risarcimenti per i danni di guerra, tanto che la richiesta avanzata dal suo governo comprende i 10.3 miliardi prestati ‘forzatamente’ dalla Grecia agli occupanti nazisti ed alcuni reperti archeologici sottratti negli anni. Nonostante l’ok annunciato da Yanis Varoufakis riguardo i debiti da pagare al Fondo monetario internazionale entro il 9 aprile, una somma come quella richiesta potrebbe risanare senza problemi le casse della Grecia, evitando la bancarotta.

Ma se la richiesta di risarcimento può sembrare assurda visto il ritardo con cui viene avanzata e considerati gli accordi conclusi negli anni ’80 tra Grecia e Germania, un’altra notizia arriva dal Parlamento. Il Consiglio dei Greci ha approvata la richiesta per l’istituzione di una “Commissione d’inchiesta che analizzerà le circostanze che obbligarono Atene a firmare il primo piano di Salvataggio nel 2010 e le cause della crescita esponenziale del debito pubblico”, proposta dai partiti di maggioranza e che ha ottenuto 156 voti favorevoli, 72 contrari e 22 astenuti. Sulla base di quanto annunciato dal premier Tsipras nell’informativa al Parlamento, la commissione avrà il compito di rispondere ai “numerosi punti interrogativi” con “imparzialità ed obiettività” riservandosi del potere di poter raccomandare l’apertura di un’indagine, nell’eventualità di responsabilità penali.

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Nato a Roma nel 1996, studente di Scienze Politiche (La Sapienza). Coordinatore di circolo per la federazione di Roma di Sinistra ecologia libertà (Sel) e componente il Comitato nazionale de L'Altra Europa con Tsipras; impegnato nell'associazionismo studentesco, membro per la Federazione degli studenti dell'esecutivo romano, consigliere di Giunta d'Istituto e membro della Consulta provinciale degli studenti di Roma. BLOGGER DI WILD ITALY.


'Tsipras, i danni di guerra e la commissione d’inchiesta' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares