“Urrah, ce l’ho fatta!”

“Urrah ce l’ho fatta!” Dev’essere stata questa l’esclamazione del Direttore Generale della Rai Mauro Masi, quando è stata battuta dalle agenzie la notizia della sospensione di Santoro e del programma Annozero per dieci giorni, a causa del “vaffan..bicchiere” pronunciato dal presentatore nella prima puntata della nuova stagione.

Badate bene, per Masi, la vittoria non consiste nell’essere riuscito a chiudere realmente il programma Annozero, ma solo nel messaggio che arriva a chi di dovere circa il perché del suo mandato, la sua opera e gli effettivi provvedimenti presi per oscurare Santoro e la sua banda; se poi Santoro farà ricorso e magari lo vincerà e andrà in onda regolarmente, a lui non interessa minimamente, lui avrà comunque raggiunto l’obiettivo di far vedere al suo capo (quello del Governo) che lui lavora alacremente per curare i suoi interessi.

Il comportamento suicida dal punto di vista della gestione dell’azienda Rai da parte del Direttore Generale, non si spiega altrimenti; nessun direttore penserebbe di oscurare il programma tv che costa meno in fatto di stipendi (due dei protagonisti principali, Vauro e Travaglio infatti per ora lavorano a gratis) e che rende di più in fatto di fatturato pubblicitario; in un’azienda privata, a un direttore che si comporta così, il giorno dopo non farebbero fare neanche il magazziniere.

Nell’azienda Rai invece, dove le nomine sono tutte politiche e le entrate pubblicitarie non così indispensabili, grazie all’elevato numero di azionisti, gli italiani che pagano di tasca propria (anche lo stipendi di Masi), il Direttore Generale, per obbedire agli ordini del capo (quello del Governo e di Mediaset)  e mantenere le chiappe ben salde sulla propria poltrona, cerca in tutti i modi di boicottare il programma più produttivo per l’azienda, ma più scomodo per il padrone (sempre quello del Governo, di Mediaset e pure della Rai).

Certo il casino più grande lo ha fatto sempre lui (quello del Governo etc. etc.), non dimentichiamoci che Annozero va regolarmente in onda grazie proprio all’attuale Presidente del Consiglio, che con il famigerato editto bulgaro, ha dato la possibilità a Santoro di vincere la causa di ricorso e di avere così in mano una sentenza che lo rassicura sullo svolgimento del programma.

In alcuni casi simili, i provvedimenti presi a fronte di dichiarazioni sopra le righe, è stato decisamente differente: quando per esempio l’artista Morgan ha ammesso di fare uso regolarmente di droga, è stato allontanato dal programma che conduceva; a nessuno è venuto in mente, neanche per un momento, di sospendere la messa in onda di X Factor….anche durante un reality, un concorrente ha mollato un bestemmione, ma è stato eliminato solo lui, non hanno sospeso la programmazione intera, e il Premier? Pure lui, in diretta tv, ultimamente ha avuto parole di fuoco nei confronti dell’Altissimo che lo ha mandato qui e che lo ha assunto….ma le sue parole, a dir la verità, vanno certamente contestualizzate…..

VINCENZO PACILE’



'“Urrah, ce l’ho fatta!”' have 1 comment

  1. 14 ottobre 2010 @ 9:06 am Giampaolo Rossi

    forse mi tireró dietro qualche insulto ma lasciatemi dire una cosa… Amo annozero e lo guardo sempre senza mai perdere una puntata ma non si può negare che, negli ultimi tempi, l’uso che santoro fa della “premessa” del programma è quasi unicamente dedicati ai suoi screzi con l’azienda e quindi la usa in maniera privata… Il programma ha un sito e potrebbe benissimo scrivere sempre tutto li,se proprio tenere gli spettatori al corrente di ciò… Quindi devo dire che santoro ha sbagliato, punto. Ma la sospensione è inutile ed esagerata…


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares