Vincenzo De Luca presidente. Del tribunale

Vincenzo De Luca: l’uomo dei procedimenti giudiziari, delle condanne e dei rinvii a giudizio. Da candidato alla presidenza della Regione Campania (per la seconda volta) risulterebbe non accontentare ben quattro elettori su cinque del Partito Democratico, tanto che la domanda sorge spontanea: chi l’ha votato?

Un uomo con una carriera politica decennale alle spalle con tanto di firma digitale sulla pagina di Wikipedia, un po’ come i Premi Nobel ed i presidenti degli Stati Uniti. Il suo curriculum non è però soltanto politico. Nella sua biografia, infatti, è possibile riscontrare:

2009: rinvio a giudizio per truffa ai danni dello stato
2010: condanna della Corte dei conti per questioni inerenti agli stipendi dei dirigenti del Comune di Salerno.
2010: prescrizione per lo sversamento dei rifiuti nei sito di Ostaglio.
2010: prosciolto dalle accuse si associazione a delinquere e truffa.
2010: accusato di danno erariale dalla Corte dei Conti e dal ministero delle Attività produttive.
2011: rinvio a giudizio per peculato riguardo l’emergenza rifiuti a Napoli.
2012: prescrizione per corruzione, truffa aggravata, falso nei confronti degli indagati dell’inchiesta Sea Park. Rimangono in piedi le accuse di associazione a delinquere e concussione.
2013: condanna in primo grado per diffamazione.
2013: iscritto nel registro degli indagati per la variante del Piano Urbanistico Attuativo.
2014: rinvio a giudizio per abuso di ufficio.
2015: conferma condanna per abuso d’ufficio e alla pena accessoria di un anno di interdizione.

Ma non finisce qui perché, dopo il meglio del peggio, le vicende giudiziarie vanno aumentando: dopo la decisione della Corte d’Appello che lo ha portato a lasciare l’incarico di primo cittadino di Salerno, la Corte dei Conti ha deciso di condannarlo per abuso d’ufficio causato dalla nomina del vicesegretario comunale (senza laurea) ed al risarcimento di 55.078,57 € (totale 605.864,24) assieme ai componenti della sua giunta comunale. E se “lo sceriffo” può sembrare inadatto a ricoprire incarichi pubblici, il De Luca politico, ex segretario provinciale del Pds, è ancor più scandaloso: pur definendosi un riformista “di sinistra” non ha problemi ad essere etichettato di destra, perché in fin dei conti “ci sta benissimo”. Forse è anche questo un limite per le sue candidature considerato che le “solite coalizioni” nazionali con lui si sono sempre spaccate, oltre che trasformate in “insolite”.

Mentre i sondaggi elettorali per le elezioni regionali della Campania danno in vantaggio il governatore uscente Stefano Caldoro (Forza Italia, Nuovo Psi), unica speranza per Silvio Berlusconi, De Luca può puntare ad un ribaltone in consiglio regionale – forse assieme al Nuovo centrodestra – chiedendo la modifica della legge elettorale regionale per i meriti in campo giudiziario.

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE! 


About

Nato a Roma nel 1996, studente di Scienze Politiche (La Sapienza). Coordinatore di circolo per la federazione di Roma di Sinistra ecologia libertà (Sel) e componente il Comitato nazionale de L'Altra Europa con Tsipras; impegnato nell'associazionismo studentesco, membro per la Federazione degli studenti dell'esecutivo romano, consigliere di Giunta d'Istituto e membro della Consulta provinciale degli studenti di Roma. BLOGGER DI WILD ITALY.


'Vincenzo De Luca presidente. Del tribunale' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares