NBA, chi sarà l’MVP 2017 della stagione? Tutti i premi individuali

A meno di un mese dalla fine della regular season, cerchiamo di tirare le somme di questo campionato NBA che ha visto di nuovo i Golden State Warriors e i San Antonio Spurs come protagonisti. Tra le sorprese, ad Est i Boston Celtics e i Washington Wizards, ad Ovest gli Houston Rockets e gli Utah Jazz. Sotto le aspettative, invece, New York e Minnesota. Chi sarà l’MVP 2017 della stagione regolare?

MVP

mvp
Soobum Im-USA TODAY Sports

Molti i candidati alla vittoria finale, ma sicuramente Russell Westbrook è il numero uno quest’anno. Il playmaker di OKC sta tenendo una tripla doppia di media: 31.7 punti, 10.5 rimbalzi e 10.3 assist. L’ultimo con dei numeri così è stato Oscar Robertson nella stagione 1961-62. Westbrook porterà, con ogni probabilità, i Thunder nuovamente ai playoff dopo l’addio di Kevin Durant. La stagione di Russ è la migliore della sua carriera. 2 volte sopra i 50 punti (58 e 51), 12 volte sopra i 40 e 23 volte quota 30. Ad insediarli il premio saranno James Harden, sbocciato definitivamente con Mike D’Antoni, e Kawhi Leonard leader indiscusso dei San Antonio.

Matricola dell’anno

Getty Images

Primo anno in NBA e subito spettacolo. Joel Embiid è il candidato numero uno al titolo di Rookie of the Year. Il camerunense è riuscito a stupire tutti con delle eccellenti performance e ha riportato l’entusiasmo che a Philadelphia mancava da anni. Non è detto però che riuscirà a vincere il premio finale. Embiid, infatti, ha giocato solo 31 partite e la sua stagione è già finita, tutta colpa del suo dannato ginocchio. Se non dovesse andare a lui, la matricola dell’anno rimarrà lo stesso ai 76ers. Dario Saric è il candidato numero due per la vittoria: il croato è andato in crescendo dall’inizio della stagione ed è, attualmente, il miglior rookie a giocare.

Difensore dell’anno

da assets3.sportsnet.ca

Il premio per il terzo anno consecutivo andrà con ogni probabilità a Kawhi Leonard. Il numero 2 degli Spurs ha fatto un anno straordinario. La squadra di coach Popovich rimane subito dietro ai Warriors, anche dopo l’addio di Duncan. The Klaw è al massimo di punti di media (26.3) in carriera ed è sempre più decisivo nei momenti finali di gioco. Se poi pensiamo che gioca in un team fondato prevalentemente sul gioco di squadra, il premio deve andare a lui.

Rivelazione dell’anno

Joe Robbins/Getty Images

Il premio con ogni probabilità andrà a Myles Turner, centro di Indiana. Il lungo proveniente dal Texas ha incominciato a mostrare il suo vero valore e le sue capacità. I Pacers avevano bisogno di un giovane promettente che potesse affiancare Paul George e sembra che lo abbiano trovato.

Sesto uomo dell’anno

Troy Taormina-USA TODAY Sports

Si va in Texas, precisamente a Houston per incoronare il sesto uomo dell’anno. Oltre al già citato James Harden, l’altro principale protagonista della grande stagione dei Rockets è Eric Gordon. La guardia uscente da Indiana è reduce da un campionato ottimo dove sta registrando una media di 16.4 punti. Il diretto rivale è Lou Williams il quale, dopo un avvio ai Lakers, si è trasferito proprio alla corte di Mike D’Antoni. Come a Philadelphia il premio probabilmente rimarrà nella città di Houston.

Coach dell’anno

AP Photo/LM Otero, File

I candidati principali a vincere questo premio sono Brad Stevens, coach dei Celtics, e Scott Brooks allenatore dei Wizards. Le due squadre sono state le sorprese della regular season e gran parte del merito va ai due probabili vincitori. Stevens vede finalmente il suo lavoro più che ripagato grazie a uno splendido Isaiah Thomas, mentre Brooks, dopo un inizio non facile, è riuscito a portare in alto Washington dietro solo ai Cavs e a Boston.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

Sergio Pannocchia

Diplomato al Liceo Scientifico Statale “Ettore Majorana” (maturità scientifica) di Roma, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’università Roma Tre. È da sempre appassionato di sport e in particolar modo di Basket. Segue da anni il campionato della NBA con particolare interesse per i San Antonio Spurs. Ha collaborato come redattore e video maker con i siti Basketlive e Basketitaly pubblicando diversi articoli. Ha inoltre svolto attività di collaborazione sul canale youtube Roma Breaking Videos. Attualmente è l’addetto stampa della società romana Smit Roma Centro. VICE CAPOSERVIZIO SPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares